Cerca

Gaffe di Israele, video farsa sulle note di We are the world

Il governo chiede scusa: "la parodia non riflette la posizione ufficiale del Paese".

Gaffe di Israele, video farsa sulle note di We are the world
Un video parodia sulle note di We Are the World, rinominato We Con the World (prendiamo in giro il mondo), sta mettendo in serio imbarazzo il governo israeliano. Nella grave crisi internazionale che sta vivendo, dopo l'attacco alla flottiglia diretta a Gaza che ha fatto ben nove morti, ora i ministri dello Stato di Israele si sono visti costretti a chiedere scusa per un filmato sulla vicenda dell'assalto alla nave degli aiuti.
Il video, che naturalmente è già su Youtube, ritrae
presunti attivisti della Mv Mavi Marmara che cantano sulle note dell’hit del 1985, scritto da Michael Jackson e Lionel Ritchie. Ma i testi sono cambiati: "Arriva un momento in cui si deve fare uno show, per il mondo, per il web, per la Cnn", canta un uomo vestito da capitano della nave. "Non c'è nessuno che muore, quindi la cosa migliore è organizzare un bluff". La canzone prosegue dicendo che gli attivisti devono insistere nel "far finta che a Gaza ci siano crisi, fame e malattia". "Perchè miliardi di dollari d’aiuti non soddisferanno le esigenze fondamentali, come un pò di formaggio e missili per i bambini".
 




L'errore l'hanno fatto gli addetti all'ufficio stampa del governo. Senza pensarci troppo, hanno girato via mail il link al video incriminato (che è stato prodotto dalla tv locale Latma.tv) ad alcuni giornalisti. Probabilmente non hanno pensato alle conseguenze. Infatti i giornalisti che lo hanno ricevuto, tra cui quelli di BNO News, hanno subito diffuso la notizia. E a quel punto il capo ufficio stampa si è trovato costretto a diramare un comunicato in cui spiega che "naturalmente il video non riflette la posizione del governo".
Il comunicato dice, "Qualche ora fa, abbiamo inavvertitamente diffuso il link di un video che avevamo ricevuto, che dovevamo valutare con attenzione, non diffondere pubblicamente". E ancora: "Il contenuto di quel video non riflette in alcun modo la politica ufficiale dello Stato di Israele, dell’ufficio stampa del governo e di ogni altri istituzione pubblica". 

Tensione per l'arrivo della nave battente bandiera irlandese "Rachel Corrie"- 
Nelle prossime ore una nuova flottiglia arriverà in prossimità delle acque israeliane. Il ministero degli Esteri, in un comunicato diffuso oggi, ha dichiarato che "non vogliamo uno scontro. Non vogliamo salire sulla nave. Se la nave deciderà di dirigersi verso il porto di Ashdod, arriverà in sicurezza a destinazione e noi non saliremo a bordo". La "Rachel Corrie" si sta dirigendo verso la Striscia di Gaza con centinaia di tonnellate di aiuti umanitari, e raggiungerà entro domani la zona di interdizione di 20 miglia imposta da Israele al largo della costa palestinese, ha detto la portavoce del gruppo Free Gaza, Greta Berlin. "Israele è pronta a ricevere la nave e a scaricare il suo contenuto. Dopo una ispezione per accertarsi che non ci sono armi e materiali bellici, saremo pronti a consegnare tutti i beni a Gaza", ha precisato il comunicato del ministero.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • 393Michael

    05 Giugno 2010 - 14:02

    Parla male delle canaglie uccise, che vuoi fare dopo aver tentato il rapimento di 4 soldati e d'intavolare trattativa per la loro liberazione. I pacifinti parlavano di una Turchia sanguinaria al tempo dell'affaire Ocalan, mentre ore si tappano la bocca cca il genocidio Armeno NON riconosciuto dallo sponsor, cosi come l'occupazione di uno Stato membro dell'ONU (Cipro), e della negazione del popolo Kurdo all'uso della sua lingua. E' stato chiesto ai pacifinti di portare gia che ci sono, 1 pacco al prigioniero israeliano tenuto li da oltre 3 anni, ma si sono rifiutati spontaneamente. Già, se la Croce Rossa non lo può visitare, non vogliono disturbare HAMAS.....

    Report

    Rispondi

  • franziscus

    05 Giugno 2010 - 11:11

    e in fondo risponde alla verità

    Report

    Rispondi

  • sparrow

    05 Giugno 2010 - 02:02

    Ho visto il contestato video farsa israeliano prodotto da latma.tv. Se non fosse per il cattivo gusto della scelta del momento (siamo a pochi giorni dalla tragedia costata la vita a 9 attivisti-pacifisti), devo dire che mi è davvero piaciuto. In maniera ironica e un po' dissacrante rende bene l'dea sulla verità delle cose e sulla posizone di certa stampa incondizionatamente schierata a favore dei palestinesi e dei terroristi di Hamas.

    Report

    Rispondi

  • antari

    05 Giugno 2010 - 02:02

    a volte mi vien da esser nostalgico... poi x fortuna ricordo che e' una caxxxxa e la evito.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog