Cerca

Obama sugli insediamenti israeliani a Gaza. "Situazione insostenibile"

Frattini, intanto, torna sul blitz della Flottillia e i pacifisti

Obama sugli insediamenti israeliani a Gaza. "Situazione insostenibile"
Stop agli insediamenti israeliani nella striscia di Gaza, in quanto la situazione è "insostenibile". A lanciare il monito è stato Barack Obama che, dopo aver ricevuto a Washington il presidente palestinese Abu Mazen, ha esortato Israele a frenare gli insediamenti e ha chiesto ai palestinesi di evitare di istigare violenze.

Blitz - secondo il presidente americano, è necessario accertare tutti gli elementi inerenti l’assalto israeliano alla flotta umanitaria e comunque Israele deve collaborare con tutte le parti in causa per trovare una soluzione alla crisi. Inoltre Obama ha anche annunciato 400 milioni di dollari in nuovi aiuti per la popolazione di Gaza e della Cisgiordania.
Ottimismo - secondo il titolare della Casa Bianca, i rapporti tra i due popoli non potranno che migliorare se israeliani e palestinesi si impegneranno nei colloqui indiretti, fino ad arrivare alla conclusione del processo di pace già entro la fine dell’anno.
Abu Mazen, dal canto suo, ha detto che è necessario revocare il blocco imposto da Israele alla Striscia di Gaza nel 2007, dopo che il gruppo integralista Hamas ha preso il controllo del territorio con un golpe, esautorando l’Autorità Palestinese.

In mattinata, invece, a parlare della situazione mediorientale era stato il ministro degli Esteri, Franco Frattini,
concentrandosi sul blitz israeliano contro la nave Mavi Marmara e l'inchiesta che dovrà accertare i fatti.
Nel corso dell’audizione alle commissioni Esteri congiunte di Camera e Senato a Palazzo Madama, il ministro ha precisato che "i fatti accaduti a bordo della nave in quei convulsi tragici momenti vanno accertati con attenzione. Andranno acquisite le versioni degli occupanti della nave. Conosciamo per ora quella resa nota dagli israeliani".
Sull’incursione dei militari a bordo delle navi di attivisti servono inoltre "accertamenti ampi, onesti e anche indipendenti. Il dubbio che vi sia stata la modifica delle immagini, che avrebbe cancellato delle armi dalle mani di alcuni occupanti dimostra la necessità di un accertamento pieno di tutta la verità".
L’inchiesta israeliana dovrà vedere "la presenza di osservatori nominati da organismi internazionali e ritengo opportuno che questi siano degli inviati del Quartetto per il Medioriente", il gruppo di mediazione diplomatico composto da Ue, Usa, Russia e Onu. "Se Israele accetterà la proposta, potremmo avere un team di investigatori che salvaguardi la sovranità israeliana ma che comprenda una presenza qualificata". Dello stesso parere anche Germania e Gran Bretagna.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • idleproc

    09 Giugno 2010 - 19:07

    Se avesse una strategia, si potrebbe anche discuterla ed essere favorevoli o contrari, magari anche accettare compromessi che come tali non piacciono a nessuno. E' un mito, per quelli a cui piacciono i fighetti.

    Report

    Rispondi

  • idleproc

    09 Giugno 2010 - 19:07

    A differenza della posizione espressa inizialmente in cui sembrava che il Ministro fosse caduto nella provocazione, condivido pienamente la posizione che ha espresso ora e che spero sia di tutto il Governo. L'area di intervento era stata dichiarata dagli israeliani di blocco navale e quindi le navi mercantili sono soggette ad ispezione del carico.

    Report

    Rispondi

  • TOSCANOROSSO

    09 Giugno 2010 - 18:06

    Allora antico compagno di partito passato dall'altra parte, esimio ministro frattini, la bischerata l'hai detta, la mazzetta israeliana l'hai incassata, ora puoi riprendere la tua normale attività: nulla! Se vedi una macchina che si ferma, uno sportello che si apre e non scende nessuno: quello è frattini. Lega ladrona!

    Report

    Rispondi

  • robe

    09 Giugno 2010 - 17:05

    l'egregio sig. Ministro si è dimenticato di questo insignificante particolare.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog