Cerca

Onu, nuove sanzioni all'Iran

Passa il compromesso fra USA e Russia. Brasile e Turchia votano contro

Onu, nuove sanzioni all'Iran
Il Consiglio di Sicurezza Onu approva nuove sanzioni contro il regime di Teheran. Dodici voti a favore, Brasile e Turchia hanno votato contro le nuove misure. Il rappresentante del Libano si è astenuto.

A nulla è valso l’avvertimento di Ahmadinejad nei confronti della Russia, che con il suo voto contrario poteva porre il veto alla risoluzione del massimo organo delle nazioni unite.

Il testo è un compromesso fra l’intransigenza di Washington e le posizioni più morbide di Mosca e Pechino. Le sanzioni riguardano la Guardia Rivoluzionaria, la maggiore compagnia di navigazione e due banche iraniane. L’embargo sulle armi è stato esteso e sono state stabilite regole per le interdizioni in mare di navi sospettate di trasportare materiale per i programmi nucleari iraniani. La Casa Bianca voleva inserire misure contro il settore energetico di Teheran e allargare le sanzioni a un numero maggiore di banche.

Russia - Per Mosca le sanzioni sono "un atto forzato". L’ambasciatore russo presso le Nazioni Unite, Vitaly Churkin, precisa che tali misure rientrano in "un atteggiamento equilibrato" della comunità internazionale contro il programma di armamento nucleare iraniano. A ogni modo, si ribadisce da parte russa il "fermo" principio che oltre alla diplomazia non vi è alternativa.

Reazioni Teheran - "Per l’Iran le nuove sanzioni approvate alle Nazioni Unite complicheranno ulteriormente la situazione". A riferire l'insoddisfazione dello Stato iraniano è stata l'emittente televisiva governativa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • powerinvest

    11 Giugno 2010 - 22:10

    Nessuna sanzione ha mai avuto un effetto positivo, anche in esperienze precedenti con altri paesi! E' una farsa. Esistono mille modi per aggirare le sanzioni e per le merci va ricordato che la Turchia ha votato contro e confina con IRAN! La merce che deve raggiungere Teheran, raggiunge la Turchia e da lì và inviata e rifatturata o anche no, a Teheran! Ormai la Turchia si è schierata contro Israele (giustamente), e vuole creare un sua area di influenza dal momento che l'UE non vuole la Turchia come membro (giustamente).

    Report

    Rispondi

  • renzaglia.s

    09 Giugno 2010 - 20:08

    ...e dopo essersi astenuta dal dare il voto favorevole alle sanzioni per israele, lo faccia anche per quelle che riguatdana l'iran, altrimenti continuiamo a dare il senso di essere ancora una colonia degli stati uniti, e questo non contribuisce all'immagine che il nostro premier vuole dare dell'Italia nel Mondo.

    Report

    Rispondi

blog