Cerca

Messicano di 15 anni ucciso da guardie di confine Usa

Il ragazzino tentava di passare la frontiera, la Border Patrol ha aperto il fuoco

Messicano di 15 anni ucciso da guardie di confine Usa
Sergio Guereca, un adolescente messicano di 15 anni, è stato ucciso con un colpo d'arma da fuoco dalle guardie di confine degli Stati Uniti mentre tentava, assieme ad altri profughi della sua stessa nazionalità, di entrare clandestinamente negli Usa passando dalla cittadina sudamericana di Ciudad Suarez a quella texana di El Paso. Mentre guadavano un canale, gli immigrati sono stati sorpresi da un agente americano giunto sul posto in bici. Questi, pare in seguito a un fitto lancio di pietre da parte del gruppo, avrebbe aperto il fuoco. La versione di Città del Messico è che l'ufficiale abbia sparato, dopo aver bloccato uno dei profughi, sui suoi compagni che si stavano disperdendo, alcuni verso gli Stati Uniti, altri tornando indietro. La mamma del ragazzino ucciso sostiene che il figlio sia caduto, centrato alla testa, mentre si trovava nel lato messicano del confine. Quel che è certo è che la tensione è salita alle stelle quando i soldati dell'esercito messicano, dopo qualche minuto dal parapiglia, sono accorsi sul posto armi in pugno per convincere gli americani a desistere. Il caso diplomatico è aperto, su entrambi i versanti sono state avviate inchieste per stabilire l'esatta dinamica dei fatti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Ignorante

    10 Giugno 2010 - 16:04

    E brava l'America di Obama! Il Nobel per la pace che piace tanto a chi si bea dell'ottimo lavoro svolto dalla Border Patrol statunitense. Vivi complimenti a chi pensa ancora che uccidere sia cosa buona e giusta. Viva l'Italia, che bacia tutto ciò che sia made in USA!

    Report

    Rispondi

  • Ignorante

    10 Giugno 2010 - 15:03

    E' improponibile che un giornale online possa diffondere articoli come questo, ignorando completamente le nozioni geografiche più elementari. La cittadina dello stato di Chihuahua si scrive Ciudad Juárez ed è compresa tra i 32 stati federali messicani facenti parte dell'America Settentrionale (non è una cittadina sudamericana). Molti non sanno, compreso chi ha scritto l'articolo, che l'esatta geografia del continente americano fa riferimento a due aree: America settentrionale e America meridionale. Le due porzioni dell'intero continente sono divise dal canale di Panamá o, secondo le convenzioni, dal confine di quest'ultimo con la Colombia. Jacopo Masi

    Report

    Rispondi

  • jack1980

    10 Giugno 2010 - 13:01

    Secondo alcuni dei commenti sembra che essere non di sinistra voglia dire essere a favore di invasati polizziotti di frontiera che sparano ad un ragazzino di 15 anni perché tenta di passare! Io sono un liberale(e di sicuro non di sinistra), ma a tutti quelli che la pensano in quel modo dico: andate ***!

    Report

    Rispondi

  • simo70

    10 Giugno 2010 - 12:12

    vivere in un paese che sul serio.. In un paese dove chi sbaglia paga, dove chi non rispetta le regole viene punito. Un altro mondo..

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog