Cerca

Le centrifughe di Kevin Costner contro la marea nera

Per ripulire le acque la BP si affida all'attore statunitense, produttore delle OTS

Le centrifughe di Kevin Costner contro la marea nera
Dopo l’intervento di James Cameron (il regista di Avatar), ora in campo contro la marea nera arriva pure Kevin Costner. L’attore e regista americano, però, non è stato interpellato da Obama o dalla British Petrolium per trovare qualche alchimistica soluzione al disastro ambientale (non centra nulla, quindi, che Costner abbia diretto il film Waterworld), bensì per fornire 32 “centrifughe del mare”, ritenute dagli addetti ai lavori della BP come efficacissime per ripulire le acque dal costoso e inquinante liquame.
Si chiamano Ocean Therapy Solutions (OTS) queste particolari centrifughe marine che l'attore (in collaborazione con il fratello scienziato) ha perfezionato in circa 15 anni di lavoro, spendendo in investimenti 20 milioni di dollari. La loro funzione è quella di aspirare l'acqua, centrifugarla, e separare al 99% le sostanze inquinanti, senza produrre ulteriore inquinamento.

''Se i miei macchinari fossero stati impiegati per il disastro della Exxon Valdez - ha detto Kevin Costner, intervistato dalla ABC - il 90% di quel petrolio sarebbe stato pulito in una settimana''. Le macchine, infatti, possono filtrare fino a 750 litri di acqua al minuto. Significa che possono "estrarre" dalla marea nera del Golfo del Messico fino a 2mila barili di petrolio al giorno.
Ecco spiegato quindi il massiccio ordine della British Petrolium, la quale ha testato i macchinari in un test a New Orleans.
''Abbiamo verificato che questo tipo di tecnologia funziona - ha detto il capo dell'ufficio operativo della Bp, Doug Suttles - e oggi abbiamo proceduto con il primo, significativo ordine di acquisto di trentadue centrifughe del mare''.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gasparotto

    16 Giugno 2010 - 08:08

    Ricordo che quel film di Kostner di cui lui era produttore , regista ed interprete, fu un flop gigantesco, visto l'itilizzo di mezzi e uomini che richiesero esborso di una massa di dollari. Kostner da allora non si è più raddrizzato economicamente, non dico che è andato in miseria ma non ha avuto più grandi disponibilità di quattrini cui lui era abituato. Ora è arrivata la grande rivincita, le sue ingegnose macchine approntate dal fratello scienziato, si prenderanno la rivincita ripulendo il golfo del Messico dalla marea nera? Siamo tutti in trepida attesa nel vedere di cosa sono capaci le macchine di Kostner.

    Report

    Rispondi

blog