Cerca

Pesa solo 25 chili e mangia ogni 15 minuti

Si chiama Lizzie Velasquez e abita in Texas. La sua è una rara sindrome, non ancora identificata dai medici

Pesa solo 25 chili e mangia ogni 15 minuti
Pesa poco più di 25 chili e ha lo 0% di grasso corporeo,  ma non è anoressica. E' la descrizione di Lizzie Velasquez, una 21enne statunitense originaria di Austin, nel Texas, che ha scritto in prima persona un libro sulla sua terribile esperienza ed è stata anche protagonista di un documentario sugli schermi tv d'oltreoceano.

La ragazza, a causa della sua eccessiva magrezza,è costretta a nutrirsi di continuo per non perdere le forze. Lizzie consuma, infatti, ogni 15 minuti del cibo, specialmente quegli alimenti che abbondano di zuccheri e grassi, quali cioccolato, gelati, merendine, dolci, patatine.
Una rara sindrome quella che ha colpito Lizzie che, nelle pagine del suo libro, ha specificato che, ogni volta che incontra una persona nuova, si presenta così "Ciao, sono Lizzie. Soffro di una rara malattia e non sono anoressica".

La ragazza ha incominiciato, da subito, a fare i conti con questa strana malattia. Alla nascita, infatti, Lizzie pesava poco più di un chilo e i medici si erano accorti della presenza di una quantità molto minima del liquido amniotico, temendo per la vita della piccola.
I genitori della ragazza, come riportato da lei stessa nella sua biografia, per vestirla utilizzavano, infatti, alcuni abiti delle bambole perché quelli per bambini risultavano troppo grandi.
Secondo i medici, inoltre,  Lizzie non sarebbe mai stata in grado di camminare, parlare, né condurre una vita normale. Ma la realtà, seppure contornata da mille difficoltà, è stata più "clemente". Lizzie parla, cammina e vive, più o meno, come una qualsiasi sua  coetanea.

Il suo caso, una volta uscito alla scoperto, ha attirato l'attenzione di medici e scienziati di tutto il mondo, che vogliono trovare il nome al disturbo della ragazza, analizzandone le cause e promettendo una cura efficace. Il Professore Abhimanyu Garg, dell'Università del Texas, ha condotto alcuni studi su Lizzie, azzardando che la sua sindrome possa corrispondere a una forma di "NPS", ossia "Neonatal Progeroid Syndrome", che causerebbe un'accelerazione dell'invecchiamento, perdita di peso da viso e corpo e degenerazione dei tessuti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog