Cerca

Mille palestinesi per un israeliano. I dubbi di Tel Aviv

Il premier Netanyahu accetta (con alcune condizioni) la proposta di mediazione tedesca per il rilascio di Gilad Shalit, rapito quattro anni fa

Mille palestinesi per un israeliano. I dubbi di Tel Aviv
“ Non ad ogni costo” ma Israele è pronto a fare concessioni importanti in cambio del rilascio del militare Gilad Shalit, catturato quattro anni fa da un commando palestinese sul territorio israeliano al confine con la Striscia di Gaza. Il premier Netanyahu accetta la proposta del mediatore tedesco Gerhard Konrad di uno scambio con detenuti palestinesi. A patto che Hamas acconsenta a due condizioni: niente liberazione di “super terroristi” e i rilasciati non dovranno riprendere l’attività terroristica. Insomma, basta attacchi e la lista di mille palestinesi consegnata al mediatore depennata di alcuni "nomi illustri". “Tutti vogliamo il ritorno di Shalit – termina il premier – ma come primo ministro devo prendere tutto in considerazione per evitare di ripetere gli errori del passato e causare a noi nuove tragedie”.  Hamas però non sembra intenzionato a scendere a compromessi. "Se Israele vuole davvero la liberazione di Shalit - dice da Gaza Ismail Radwan, uno dei portavoce del gruppo - deve accettare in pieno quanto è stato chiesto".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pasquino69

    02 Luglio 2010 - 10:10

    ...ci fu anche qualcuno con il nome osannato di "il migliore" togliatti, che di Italiani presi prigionieri in Russia ne fece processare e uccidere un sacco, senza fare una lippa, anzi ,godendo. KOMUNISTI di Fuffa.

    Report

    Rispondi

  • brutus

    01 Luglio 2010 - 22:10

    I palestinesi non si stimano molto frà di loro: mille contro uno!! Se fosse per mé, ne libererei anche duemila, ma dopo averli tracciati come telefonini.

    Report

    Rispondi

  • nicola.guastamacchiatin.it

    01 Luglio 2010 - 22:10

    Molti soldati italiani ebbero come prigionieri dei soldati russi che li consegnarono a noi italiani per fargli svolgere dei lavori. Più di qualcuno di questi prigionieri, furono portati dai soldati italiani,vestiti dei stessi panni, in libera uscita per divertirsi assieme. Quando i tedeschi se li ripresero, questi piansero dal dispiacere di lasciarci. Fronte di guerra del mediterraneo "Sicilia 1942/43. Quale differenza, e dire che allora si era nella dittatura fascista. Hamas la smettesse di fare la carogna e Israele riconosca il diritto dei Palestinesi ad avere una Patria.

    Report

    Rispondi

blog