Cerca

India, fidanzatini torturati e uccisi

I copri sono stati esposti nel cortile della scuola che frequentavano. Tra i sospettati lo zio e il cugino della ragazza

India, fidanzatini torturati e uccisi
Due fidanzatini di 16 e 19 anni sono stati torturati e uccisi in un villaggio dello stato settentrionale dell'Haryana. A dare la notizia è il quotidiano Time of India. Si tratta dell'ennesimo caso di “delitto d'onore”, una piaga che colpisce in particolare il Nord dell'India e che negli ultimi mesi ha subito un'allarmante impennata. Addirittura una stima precisa che ne avviene 1 ogni 4 giorni.

Secondo quanto riferito dalla polizia la relazione di Reena, indu appartenente alla comunità dei Jat, e Shyam Mohamman, di religione musulmana, era osteggiata dal “panchayat” cioè dal consiglio del villaggio di Somain, un piccolo centro agricolo. I responsabili locali avevano già "espulso" il ragazzo dal villaggio dopo che era scappato con la giovane lo scorso anno. I due erano poi stati trovati dalla polizia e riconsegnati alle famiglie.

Il responsabile della polizia della città di Fatehabad sospetta almeno tre persone, tra cui lo zio materno e il cugino della ragazza. I corpi dei due fidanzatini dopo la morte sono stati "esposti" nel cortile della scuola che entrambi avevano frequentato. Il corpo di Shyam è stato trovato mutilato, in particolare gli è stato cavato un occhio. La polizia ipotizza che i due ragazzi sono stati avvelenati. Lo conferma una bottiglia con del liquido chimico trovata sul posto anche se la conferma ufficiale arriverà dall'autopsia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • renatarossi

    06 Luglio 2010 - 14:02

    O R R O R E 1 ogni 4 giorni,4. Sono disposta a contribuire con 1 euro ad una trasferta didattica colà,per Di Pietro,dove possa blaterare a suo piacimento di fascismo e sfascismo della democrazia in Italia. Se queste notizie provengono da quei luoghi di barbarie,forse sono diffuse come monito e non come denuncia....sono disposta a credere il peggio del peggio,ma il peggio non ha mai limiti.

    Report

    Rispondi

blog