Cerca

La Spagna "liberalizza" l'aborto

La proposta è diventata legge: nessun vincolo entro le 14 settimane, nemmeno per le sedicenni

La Spagna "liberalizza" l'aborto
A sedici anni si è ancora ragazzini nella gran parte dei Paesi d’Europa: la patente è solo un sogno, per muoversi bisogna dipendere ancora da mamma o papà e persino per le giustificazioni scolastiche serve una firmetta da parte dei genitori. In Spagna, però, d’ora in poi una ragazzina di sedici, diciassette anni potrà decidere di interrompere una gravidanza.

È infatti entrata in vigore in Spagna la nuova e contestata normativa sull'aborto che permette l'interruzione volontaria (Ivg) fino alla 14° settimana di gravidanza senza alcun motivo e fino alla 22° settimana in caso di rischi per la madre o se il feto presenta malformazioni.
Una legge “permissivista”, dunque, che è stata definita da più parti “incompatibile con la coscienza morale”, soprattutto in virtù del fatto che, come detto, nel pacchetto legislativo è contemplata la possibilità per le adolescenti di 16-17 anni di abortire senza il consenso dei genitori, purché questi ne siano informati. Tuttavia, oltre la nuova legge prevede un’altra apertura che fa discutere: finora in Spagna le donne potevano ricorrere all’interruzione volontaria della gravidanza solo in caso di stupro (fino alla 12° settimana), di malformazione del feto (22°) o per grave rischio per la salute della madre (senza limite temporale). Questa nuova normativa, insomma, riafferma ancor di più il diritto all’aborto che era stato depenalizzato per la prima volta nel 1985.

Costituzionalità –
A dimostrazione che la nuova legge presenta articoli per lo meno criticabili, la Suprema Corte spagnola mercoledì scorso ha riconosciuto l'ammissibilità di un ricorso presentato dal Partito popolare, il quale aveva chiesto la sospensione in via cautelativa di otto articoli della legge con la motivazione che violerebbero l’articolo 15 della costituzione (quello sul diritto alla vita). A tal proposito il Governo ha dovuto presentare sabato la sua tesi difensiva, così da permettere ai Giudici di decidere se procedere alla sospensione cautelare della riforma.

Proteste – Ed è stato nel giorno della presentazione della linea difensiva da parte del Governo nei confronti della nuova legge che è montata la protesta popolare davanti alla Corte costituzionale di Madrid. Sabato, infatti, diverse centinaia di persone sono scese in piazza rispondendo all’appello di varie associazioni e gruppi politici.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • delusodasilvio41

    08 Luglio 2010 - 09:09

    L'eugenetica studia la manipolazione dei geni e l'incrocio tra le razze per un, supposto, perfezionamento della razza e non ha nulla a che vedere, anche eticamente, con l'aborto. Certo le sue e le mie poche parole non possono essere sufficienti a sviscerare un argomento di tanto grande importanza non solo religiosa. Credo che il problema rientri in una sfera così intima dell'animo umano che trovarcisi d'accordo tutti sia quasi impossibile. Restano, comunque, sempre sbagliate le critiche feroci , come se da una parte vi fossero solo delle bestie e dall'altra solo paladini del bene e dell'amore. Saluti.

    Report

    Rispondi

  • pippo65

    08 Luglio 2010 - 02:02

    ce ne sono parecchi qua di spartani assetati di sangue eh?

    Report

    Rispondi

  • delusodasilvio41

    06 Luglio 2010 - 13:01

    Prima del Giudizio Universale, spieghi a noi miscredenti quale è per lei il vero significato di quel Salmo! Non tutti abbiamo fatto il seminario, anche se, chissà che la nostra Fede non sia piu forte e, soprattutto, più motivata della sua! Con stima.

    Report

    Rispondi

  • delusodasilvio41

    06 Luglio 2010 - 12:12

    Si compri un bignamino da pochi euro e si studi la storia di questo grande Paese, altro che insulti a vanvera! Certo che voi .......paladini (!!) della vita non avete alcun pudore nel difendere le vostre opinioni!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog