Cerca

Licenziata giornalista della Cnn per elogio a Hussein Fadlallah

Octavia Nasr ha postato il suo messaggio su Twitter. Lui è noto per la sua vicinanza agli Hezbollah

Licenziata giornalista della Cnn per elogio a Hussein Fadlallah
Lei era la massima esperta di Medio Oriente della Cnn. Ma questo non è stato sufficiente a salvarle il posto di lavoro. Così la giornalista Octavia Nasr è stata licenziata dalla Cnn per aver pubblicato su Twitter un messaggio in cui esprimeva «rispetto» per il Grande Ayatollah Mohammed Hussein Fadlallah. Lui che negli anni ’80 è stato vicino agli Hezbollah libanesi e da tempo era una delle figure più illustri del mondo sciita. Il post è finito su Twitter a seguito della morte dell’uomo, di 75 anni, avvenuta domenica in Libia dopo una lunga malattia.

La Nasr, che lavora per la Cnn da 20 anni, ha poi chiesto scusa, ma il vice presidente dell’emittente, Parisa Khosravi, ha detto che la credibilità della giornalista era ormai compromessa e che quindi non potrà più lavorare per la tv americana. Così la Nasr mercoledì ha definitivamente lasciato il suo ufficio di Atlanta.

Su Twitter, nel fine settimana la Nasr aveva scritto di essere molto triste per la morte di Fadlallah, esponente sciita fortemente anti-americano, che lei ha definito «uno dei giganti di Hezbollah per cui nutro molto rispetto». Martedì la Cnn ha diffuso un comunicato nel quale ha definito un «errore» il giudizio espresso dalla sua giornalista in modo così semplicistico con un “tweet”.

Successivamente, la Nasr ha scritto in un blog che intendeva riferirsi all'atteggiamento di Fadlallah sui diritti delle donne. Il religioso aveva emesso delle "fatwa" contro il cosiddetto “crimine d'onore” e riconosciuto il diritto delle donne a difendersi dai mariti violenti. La giornalista americana aveva quindi aggiunto che Fadlallah era «riverito oltre confine anche se descritto come un terrorista. È una cosa di cui mi rammarico profondamente». Ma la giustificazione non è bastata alla Cnn: «La sua credibilità per occuparsi di affari mediorientali è compromessa» ha detto la Khosravi che l'ha messa alla porta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dubhe2003

    09 Luglio 2010 - 15:03

    Hanno fatto benissimo;persone del genere sono pericolose per sè stesse ed ancor di più per la società.Come si può simpatizzare con chi ha il culto della morte e lo promuove nel mondo?Di psichicamente labili ve ne sono molti;purtroppo se non vogliono farsi curare,è necessario isolarli.

    Report

    Rispondi

  • idleproc

    08 Luglio 2010 - 22:10

    Ci deve essere una forma di masochismo nei confronti di noi uomini anche da parte di donne apparentemente libere e indipendenti. Trovo il licenziamento, a chiarimento avvenuto, stupido ed eccessivo, vista la competenza della giornalista.

    Report

    Rispondi

  • satiral

    08 Luglio 2010 - 18:06

    Loro sì che hanno le palle. In Italia ..........? sarebbe possibile.......? Abbiamo il sindacato nazionale. satiral

    Report

    Rispondi

blog