Cerca

Nave di aiuti umanitari sfida Israele

L'imbarcazione della fondazione umanitaria Gheddafi tenterà di aggirare l'embargo imposto alla Striscia di Gaza

Nave di aiuti umanitari sfida Israele
Ignorando l'embargo di Israele, la nave Speranza della fondazione umanitaria Gheddafi, partirà oggi dalla Grecia diretta verso la Striscia di Gaza.   "Abbiamo caricato su questa nave - fa sapere la fondazione di Tripoli - due tonnellate di aiuti umanitari tra cibo e medicine". A bordo dell’imbarcazione, he batte bandiera moldava, ci sono inoltre numerose personalità del mondo politico libico e arabo che vogliono in questo modo solidarizzare con il popolo di Gaza.

Si ritiene che la marina israeliana entrerà in azione una volta che l’imbarcazione raggiungerà le acque territoriali dello stato ebraico. Il timore è che possa ripetersi quanto accaduto a fine maggio con la Freedom Flottiglia, dove sono morti 9 cittadini turchi. Dalla Libia partirà lunedì prossimo un convoglio di aiuti, composto da 20 camion carichi di derrate alimentari, che raggiungerà Gaza via terra attraverso l’Egitto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Chaim

    10 Luglio 2010 - 13:01

    Avere come "vicini" un popolo come i palestinesi, "guidati" da Hamas, cioe' da un'accozzaglia di pazzi sanguinari, fa passare in secondo piano lo Stato di Diritto. Li, non e' come qui con i pacifinti che fanno la voce grossa dietro ad una tastiera, li si muore. Quelli di Hamas sono vigliacchi, sono capaci di usare i bimbi come scudi, sono capaci di farsi esplodere in un autobus o in un mercato pieno di donne, convinti di andare nel loro "paradiso", ma come forza militare sono degli inetti e incapaci di combattere. Inoltre, temo che qualsiasi trattativa con Hamas sia difficilissima, perche' come dice Ehud Barak, "I palestinesi sono come coccodrilli, più carne gli dai e più ne vogliono"

    Report

    Rispondi

  • domit2005

    10 Luglio 2010 - 09:09

    che israele si decida.. vuol essere uno stato di diritto? allora tolga subito l'embargo e si sieda al tavolo delle trattative come un paese civile. anche l'italia ha avuto gli anni di piombo, come la germania, la francia l'inghilterra e l'irlanda.. non per questo mettevano embarghi sulle città e si sparava pioggia di fuoco su un palazzo di civili per colpire un presunto terrorista.. il terrrorismo è stato sconfitto con la polizia non con l'esercito. al contrario, vuole la guerra per distruggere palestina? va benissimo. la comunità internazionale faccia armare palestina togliendo l'embargo di armi e si faccia la guerra che vuole israele. probabilmente uno ne uscirà vincitore. così questa storia finirà.. forse. dietro israele ci sono gli usa e buona parte dell'europa. dietro i palestinesi ci sono gli sceicchi arabi con il loro petrodollari. non sono così sicuro che israele possa vincere facilmente.

    Report

    Rispondi

  • bracciodiferro

    10 Luglio 2010 - 08:08

    Saro' prevenuto ma all'azione "umanitaria" sotto l'egida di Gheddafi non ci credo. Gheddafi vuol fare il malandrino e sa di rischiare il conflitto. La lega araba lo appoggia e qui sta il problema. Ci si prepari al peggio : Israele non cederà e l'America è pronta a sostenerli; l'Iran farà la sua parte sporca ...sarà un'estate "rovente"!!

    Report

    Rispondi

  • Al-dente

    09 Luglio 2010 - 23:11

    E' la "moda" del momento rompere le scatole ad Israele facendo pure la figura "dell'umanitario". E' una dimostrazione pratica del fanatismo che guida gli islamici di qualsiasi nazione essi siano per problemi che non li riguardano nemmeno indirettamente e ,per di più, con coloro che difendono che sono in grave torto fin dall'inizio.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog