Cerca

Scienziato iraniano "rapito" torna a Teheran

Secondo le autorità della Repubblica islamica, Amiri era stato sequestrato dagli Stati Uniti

Scienziato iraniano "rapito" torna a Teheran
Lo scienziato nucleare "rapito" torna a casa. L'iraniano Shahram Amiri, secondo Teheran era stato rapito dagli Stati Uniti e da lunedì sera si era rifugiato nella sezione di interessi iraniana presso l’ambasciata del Pakistan a Washington. Secondo quanto riferito dal portavoce del ministero iraniano degli Esteri, Ramin Mehmanparast, l'uomo si trova in buone condizioni fisiche e psicologiche, ha lasciato gli States ed è in viaggio verso l’Iran.

"Grazie agli sforzi compiuti dalla Repubblica islamica e alla cooperazione dell’ambasciata del Pakistan a Washington, Shahram Amiri ha da qualche minuto lasciato il territorio americano diretto in Iran attraverso un terzo paese", ha detto Mehmanparast. Il portavoce ha infine affermato che Teheran continuerà a indagare sul coinvolgimento degli Usa nel "rapimento" di  Amiri.

Il rapimento - Lo scienziato sarebbe  stato sequestrato durante un pellegrinaggio in Arabia Saudita dai servizi segreti americani e sauditi. Il mese scorso era stato diffuso un video in cui un uomo che diceva di essere lo scienziato sosteneva di essere riuscito a fuggire da una prigione della Cia in Virginia e di temere per la propria vita. Ma su Amiri le notizie sono contrastanti: a marzo la Abc aveva riferito che lo scienziato stava collaborando con la Cia, fornendo informazioni segrete sul programma atomico iraniano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog