Cerca

Riforma dell'economia: Obama ingabbia gli squali di Wall Street

60 voti a favore e 39 contrari. Manca solo la firma del Presidente che dice "è finito il tempo dei salvataggi con i soldi dei contribuenti"

Riforma dell'economia: Obama ingabbia gli squali di Wall Street
Il Senato ha dato il via libera definitivo alla riforma di Wall Street, con 60 voti a favore e 39 contrari. E Il "sì" è arrivato subito dopo l'ok della Camera. Ora, al progetto "Dodd- Frank"- dal nome dei due autori- per divenire legge a tutti gli effetti manca solo la firma del Presidente Barack Obama, che arriverà la prossima settimana.

La Casa Bianca ha così raggiunto un traguardo importante dopo la grave crisi finanziaria che ha scosso le fondamenta dell'economia americana. La nuova legge, costituita da oltre 2.300 pagine, tocca tutti i settori dei mercati finanziari, influisce sulle modalità con  cui i consumatori ottengono mutui e carte di credito, stabilisce i modi con cui il governo può smantellare istituti a rischio di fallimento e rende più attento il monitoraggio dell'economia e delle potenziali minacce a cui va incontro. E per Obama è arrivata la vittoria, cercata con un braccio di ferro che andava avanti dal luglio scorso e la seconda, in soli pochi mesi dopo la riforma della sanità.

In tempi sicuramente difficili per l'America e per la Presidenza di Barack, messa continuamente sotto pressione dal disastro ambientale nel Golfo del Messico, da un'economia traballante, che a stento riesce a ritrovare slancio, questo successo è un decisivo passo avanti su cui fare leva anche in previsione delle elezioni di metà mandato, a novembre.

Il testo limita la possibilità delle banche di scommettere su attività rischiose con i propri fondi e di effettuare operazioni di trading sui derivati- si potranno continuare a scambiare alcuni tipi di strumenti derivati, ma si dovranno scorporare le attività più rischiose in divisioni apposite, capitalizzate in modo separato- rivede il mercato del credito e delle carte di credito, istituisce una nuova agenzia per la tutela dei consumatori, attribuisce al Governo nuovi poteri per ridimensionare o chiudere società a rischio di fallimento, incarica un comitato apposito di monitorare i problemi del sistema finanziario e fissa nuove regole per le grandi banche, limitando il rischio e incrementando i costi.

Il Presidente della "Fed Ben", Bernanke, ha dichiarato che "il progetto è un buon passo avanti nel prevenire il ripetersi di una crisi come quella sperimentata di recente- e ha anche aggiunto che- la nuova legge preserva l'indipendenza politica della Fed e rafforza le operazioni di trasparenza".
Dello stesso parere è il leader della Casa Bianca che ha così commentato il via libera del Senato: "È finito il tempo dei salvataggi con i soldi dei contribuenti. Con la riforma finalmente i contribuenti americani non si troveranno più in trappola per Wall Street".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • roberto19

    roberto19

    17 Luglio 2010 - 12:12

    ... Con gli squali americani è più facile… che ci provasse con le anguille italiane.. che ci facciamo due risate.

    Report

    Rispondi

  • Jahmpa

    17 Luglio 2010 - 12:12

    Obama in 2 anni ha portato a casa due riforme - seppur parziali - inimmaginabili sotto la guida di quel demente alcolizzato di bushino e della sua corte di fondamentalisti cattolici. Qua invece tutto fermo... e intanto il giullare ancora continua a gridare a complotti da parte dei comunisti e a sfasciare lo stato e l'economia per favorire sè stesso, le sue aziende e i suoi degni compari. Comunque l'Italia e gli italiani sono meglio di Berlusconi e del suo guano, e, a quanto vedo, si stanno svegliando. La fine si avvicina...basta aspettare...

    Report

    Rispondi

  • ubik

    16 Luglio 2010 - 15:03

    Sono loro le banche e gli speculatori i veri responsabili della crisi mnondiale. Non il comunismo, come ci raccontano a tamburello in italy.

    Report

    Rispondi

  • S.Winston

    16 Luglio 2010 - 13:01

    In Italia in 10 anni giusto il divieto di fumo nei locali pubblici e la patente a punti....così si che si va avanti......sigh.........ma meno male che silvio c'è.....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog