Cerca

Marea nera, nuovo allarme: perdite di petrolio dal tappo

Si teme che le fuoriuscite del greggio siano dovute proprio alla cupola di contenimento. Chiesto un nuovo piano di emergenza

Marea nera, nuovo allarme: perdite di petrolio dal tappo
Un'altra fuoriuscita di petrolio sarebbe iniziata nell'area del pozzo Macondo, nel Golfo del Messico, che era appena stato tappato. Il governo americano ha infatti individuato nuove perdite di petrolio e metano e ha ordinato a Bp di fornire al più presto un piano per la riapertura delle valvole, nel caso in cui il fenomeno dovesse essere confermato. E l'ex ammiraglio Thad Allen, ha infatti inviato una richiesta al responsabile di Bp, Bob Dudley, in cui lo ha invitato a stilare, con urgenza, "una procedura scritta per riaprire il pozzo appena sigillato nel caso in cui la perdita di idrocarburi sarà confermata".

Proprio la lettera è un segno veritiero  di tensioni sotterranee tra il Governo federale e Bp. Il colosso del greggio, da un lato, vorrebbe continuare a tenere chiuso il pozzo con il tappo, installato tre giorni fa, almeno fino all'attivazione di un altro pozzo alternativo che andrebbe, a detta loro, a risolvere definitivamente la perdita della marea nera.

Nello scritto a Bp, Allen ha riferito anche di "anomalie inspiegate alla bocca del pozzo". E l'indicazione degli scienziati del Governo complicherebbe i colloqui fissati nella giornata di domani, a Washington, tra il Presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, e il Premier britannico, David Cameron, alla sua prima visita ufficiale nella capitale Usa, da quando si è insediato a Downing Street.

Il "piano originario" prevedeva infatti che Bp continuasse a risucchiare il petrolio dal fondo del mare dopo il completamento dei test sulla struttura di contenimento sulla pressione. Ma Doug Suttles, il Chief Operating Officer, aveva auspicato, ieri, di poter tenere il pozzo tappato.

E proprio nella giornata appena trascorsa Allen aveva espresso alcune perplessità in merito e, nel corso di una conferenza stampa, aveva esordito, dicendo: "Bisogna capire bene il perché dei valori di pressione più bassi del previsto". In tale occasione avrebbe quindi suggerito due ulteriori ipotesi: il pozzo risulterebbe in esaurimento, come sostiene Bp, oppure che ci sarebbero potenziali fughe, non ancora individuate, dovute a danni nella struttura.

Una vera e propria "tragedia", dunque, che potrebbe arrecare "danni irreparabili" se il petrolio dovesse cominciare "a tracimare da molti punti del fondo marino". E il timore del Governo Usa è proprio quello che il tappo possa spingere il petrolio a defluire da altri punti se la struttura del pozzo si rivelerà fragile.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fr187

    19 Luglio 2010 - 21:09

    ... il petrolio sarebbe continuato ad uscire ma lui - per arricchire i suoi amici - avrebbe dato il via ad una bella guerra con -chesso' - il Bellucistan. La scusa gliela forniva gli amici della CIA

    Report

    Rispondi

  • alexpuzer

    19 Luglio 2010 - 19:07

    x che non ci mandi l amico del presidente usa il tuo walter da buon amico un vaore glie lo deve

    Report

    Rispondi

  • Ricafede

    19 Luglio 2010 - 19:07

    Mandiamogli il nostro Premier.

    Report

    Rispondi

  • alexpuzer

    19 Luglio 2010 - 17:05

    il super presidente non riesce a trovare un idraulico

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog