Cerca

Marea nera: si rompe un altro pozzo: 19.500 barili di petrolio invadono il fiume

L'incidente è avvenuto a Talmadge Creek, vicino al Michigan. Scatta l'allarme tra i cittadini

Marea nera: si rompe un altro pozzo: 19.500 barili di petrolio invadono il fiume
Situazione in peggioramento negli Stati Uniti sul fronte marea nera. Dopo il dramma che si sta vivendo nel Golfo del Messico, un’altra fuoriuscita di greggio spaventa il Paese: un'altra falla si è aperta. Una tubatura che trasportava petrolio da Griffith, in Indiana, fino a Sarnia, in Ontario,  si è rotta, disperdendo in acqua circa 19.500 barili di greggio.

L’incidente è avvenuto a Talmadge Creek, nella valle del fiume Kalamazoo, a un centinaio di chilometri da Grand Rapids, dove si è immediatamente diffuso un forte odore di petrolio. La tubatura avrebbe perso il greggio per diverse ore, prima che l’incidente fosse individuato.

La fuoriuscita è la più grande avvenuta nel Midwest degli Stati Uniti, secondo quanto riferito dal deputato democratico del Michigan, Mark Schauer, al Presidente Barack Obama.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • claudioF

    28 Luglio 2010 - 12:12

    Premesso che sono due casi isolatissimi questo e quello della Bp:potenti del mondo investite sull'eolico, il solare,l' idrologico, il molecolare, il nucleare...Ricordate che il pescetto lo mangiate anche voi e se non volete morire avvelenati forse è meglio limitare possibili ed ulteriori fuoriuscite di petrolio che dite?

    Report

    Rispondi

  • Joe1957

    28 Luglio 2010 - 10:10

    Oh povero Obama... con tutte le promesse di salvarci dalla fine del mondo per colpa del CO2 americano (sembrerebbe quello cinese, indiano e brasiliano non faccia male...) ... finire sommerso dal petrolio come un banale pellicano .... è proprio sfigato ...

    Report

    Rispondi

blog