Cerca

Spagna: toreros infuriati contro il no alle corride

In seguito al divieto, che entrerà in vigore il 1 gennaio 2012, i professionisti delle tauromachie rivendicano il proprio "diritto al lavoro"

Spagna: toreros infuriati contro il no alle corride
Il divieto delle corride dei tori in Catalogna, che entrerà in vigore a partire dall'1 gennaio 2012, continua a tenere banco in Spagna
In tutte le arene del Paese, infatti, è stato letto un manifesto, sottoscritto dai professionisti della tauromachia, in cui si chiede esplicitamente che cessi "la manipolazione politica della Fiesta", ossia della corrida, e che tutti i taurini possano esercitare il proprio "diritto al lavoro". I cittadini, si legge sempre nel documento, dovranno inoltre sentirsi "liberi" di assistere allo spettacolo dei tori.

Dentro e fuori l'arena de "La Monumental" di Barcellona, dove si è svolta ieri la prima corrida dopo l'approvazione del divieto in Catalogna, pro-taurini e anti-taurini hanno inscenato alcuni pesanti scontri verbali. Nella Plaza de toros, peraltro semivuota, la lettura del manifesto a favore delle corride è stata accompagnata dal grido "Libertà!".

La maggioranza degli Spagnoli, secondo un sondaggio pubblicato su "El Pais", rifiuta le corride, ma non le vieterebbe. Al 60% dei cittadini non piacciono i combattimenti dei tori, ma prevale la tolleranza, dal momento che il il 57% non condivide il divieto delle corride e il 52% degli anti-taurini preferirebbe che questo tipo di spettacolo continuasse ad esistere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • RANMA

    03 Agosto 2010 - 09:09

    Ma perchè i toreri non toreano solo dimostrando il loro coraggio e non l'imparità della lotta? Potrebbero continuare a toreare senza alla fine uccidere quelle povere bestie torturate dalle banderillas e disorientate dalle urla della gente. Una danza mortale solo dell'uomo che rischia perchè così gli piace e dare spettacolo,il brivido è assicurato ugualmene e senza la cruenza della spada... E tutti vissero felici e contenti. PS: consiglio poi a chi invece vuol vedere il sangue del toro a rivolgersi al primo orribile mattatoio più vicino..

    Report

    Rispondi

  • andea f

    02 Agosto 2010 - 20:08

    E' vero che è poco sportiva,ma lo è almeno di più della caccia,perchè fagiani e conigli un'arma mica ce l'hanno.Nella corrida invece qualche torero le chiappe ce le ha rimesse!

    Report

    Rispondi

  • pastorix

    02 Agosto 2010 - 19:07

    un comitato, una tavola rotonda e una piattaforma di confronto.... Alla quale partecipino anche i Tori...delle 4 confederazioni sindacali UIL GISL UGL CIGL e anche i tori autonomi, o immigrati in regola Se ciò non bastasse, dei Toro supporters che armati di fucile caricato a sale grosso ( ma molto grosso ) mirino alle gioconde chiappe dei toreri, per par conditio...

    Report

    Rispondi

  • alexpuzer

    02 Agosto 2010 - 19:07

    a pensare che ci sono in italia politici che ci vorrebbero far dare lezioni da questi.e sono anche amimalisti a parole

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog