Cerca

Strage di civili in Afghanistan, uccisi 10 volontari

Le vittime sono medici americani, tedeschi e afghani. Un superstite: "I talebani li ha fatti mettere in fila e li ha fucilati"

Strage di civili in Afghanistan, uccisi 10 volontari
Ancora morte e sgomento in Afghanistan. Le vittime sono 10 volontari cristiani, i cui corpi crivellati sono stati ritrovati stamani vicino a tre fuoristrada, nella provincia montuosa del nord-est. "Abbiamo recuperato i cadaveri di sei americani, un tedesco e un inglese", ha detto Aqa Noor Kintoz, il capo della polizia di Badakhshan. Le altre due vittime erano interpreti afghani. Secondo il racconto dell’unico sopravvissuto, il gruppo - composto principalmente da oculisti - viaggiava dal Badakhstan alla provincia del Nouristan. L'ultimo giorno, nei pressi di una zona boscosa del distretto di Kuran Wa Munjan, "è arrivato un  gruppo di uomini armati, li ha fatti mettere in fila e li ha abbattuti".

La rivendicazione talebana -
I carnefici sono talebani. Un portavoce della guerriglia ha annunciato in seguito che l'attacco era diretto ai "nove missionari cristiani" che trasportavano bibbie in lingua dari.

L’organizzazione umanitaria cristiana International Assistance Mission (Iam) ha spiegato che probabilmente le dieci vittime erano "membri di un team specializzato nella cure oculistiche. La squadra era in Nouristan, su invito della comunità locale. Dopo aver completato le cure, il gruppo stava tornando a Kabul: un’assassinio insensato di persone che non avevano fatto altro che aiutare i poveri. Alcuni di questi stranieri lavoravano accanto agli afghani da decenni".

Il generale Kintoz ha chiarito che la spedizione era stata organizzata senza che la polizia ne fosse a conoscenza. Due interpreti afghani sono morti, ma il terzo è riuscito a fuggire correndo nella boscaglia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Chaim

    09 Agosto 2010 - 10:10

    Non capisco dove lei veda codardia nel mio post: erano medici, erano li per aiutare e sono stati uccisi come delle bestie da delle bestie... Quello che non mi piace per niente, e il tentativo di difendere degli animali (senza offesa per gli animali) che uccidono delle persone disarmate, senza scorta che sono li per dare una mano. Certo, se uccidevano qualcuno di Strada, sarebbe stato il finimondo...

    Report

    Rispondi

  • RosannaDaniela

    09 Agosto 2010 - 08:08

    quasi silenzio, certamente poco rilievo sui quotidiani nazionali e alla tv per questa notizia. Forse perchè i dieci morti sono occidentali e sono cristiani? Se le parti fossero invertite, e cioè ad essere trucidati nello stesso modo fossero stati degli islamici, cosa sarebbe successo? Certamente qualche manifestazione di protesta, di indignazione, qualche articolo di fondo sulla violenza gratuita degli occidentali "razzisti" se non bandiere bruciate (non vi ricordate più cosa accadde solo per delle vignette contro Maometto?). Anch'io penso che dovremmo andarcene da quei Paesi e rimandare a casa loro quanti sono qui insediati!

    Report

    Rispondi

  • brutus

    08 Agosto 2010 - 16:04

    Fuori gli occidentali dalle loro terre, fuori i mussulmani dalle nostre. Che si scannino trà di loro. Sono quarant'anni che ci avvelenano l'esistenza. Cacciamoli tutti fuori e ci imploreranno di comprare il petrolio a un dollaro il barile. Che tornino a fare quello che sanno fare: scannarsi, pascolare capre e mangiare datteri. NON abbiamo bisogno di loro e loro non vogliono noi. Facciamoli felici!

    Report

    Rispondi

  • primus

    08 Agosto 2010 - 16:04

    Forse chi va definendo questi delinquenti terroristi come “resistenza o combattenti per la libertà” acquisisce una immagine e un feeling verso questi delinquenti da creare una immunità verso la ONG che rappresenta, al contrario di chi veramente mette a rischio la sua vita senza cercare beceri compromessi come questi nobili volontari trucidati

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog