Cerca

La guerra in Iraq è finita

Nella notte il ritiro dell'ultima brigata combattente. Obama soddisfatto, meno gli iracheni. Restano 50 mila soldati per addestrare la polizia locale

La guerra in Iraq è finita
Missione compiuta. Barack Obama ha mantenuto la promessa elettorale: ritiro delle truppe combattenti dall’Iraq in un anno e mezzo dall’insediamento alla Casa Bianca. Addirittura, il presidente ha fatto di più: l’ultima brigata della Quarta Brigata Stryker della Seconda divisione di Fanteria ha abbandonato il Paese nella mattinata di oggi, con ben 12 giorni d’anticipo rispetto alla data prevista, il 31 agosto. Dopo 7 anni dalla guerra a Saddam Hussein, gli americani lasciano l’Iraq. In questo periodo sono morti laggiù, secondo i dati più recenti   forniti dal Pentagono, sono 4.415 i soldati americani morti in Iraq. Restano 50 mila soldati con incarichi di addestramento. Entro la fine del 2011, secondo l’accordo siglato tra Washington e Baghdad, l’insieme delle truppe americane sarà fuori dall’Iraq. Obama è un uomo di parola. Ma la missione a ben vedere non è “compiuta” perché l’Iraq è lontano dall’essere pacificato e le autorità avrebbero preferito prorogare la presenza di Washington. Indietro non si torna. Con una lettera datata 18 agosto, il presidente degli Stati Uniti Barack Obama commenta la fine della missione di combattimento in Iraq: "Oggi, ho il piacere di annunciare che grazie a un servizio straordinario delle nostre truppe e dei nostri civili in Iraq, la nostra missione di combattimento si concluderà entro questo mese e che stiamo per ultimare un ritiro sostanziale delle nostre truppe”.

Il portavoce del Dipartimento di Stato, Philip Crowley, parlando in diretta sulle immagini del passaggio della frontiera dell’ultimo blindato Usa, ha evocato un "momento storico", sottolineando comunque che l’impegno americano in Iraq resta fondamentale: "Non mettiamo fine al nostro impegno per l’Iraq, abbiamo ancora un importante lavoro da fare".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ubik

    19 Agosto 2010 - 15:03

    ??? Adesso dove le mandiamo?

    Report

    Rispondi

  • Lamb

    19 Agosto 2010 - 14:02

    E chi dice che dev'essere Obama a dichiarare la fine della guerra? Semmai devono essere gli iracheni a stabilire quando finirà il conflitto che li coinvolge. Possiamo lasciare almeno questo diritto ad un paese sovrano che è stato bombardato e distrutto?

    Report

    Rispondi

  • nicola.guastamacchiatin.it

    19 Agosto 2010 - 14:02

    Non peer arroganza e n'è per superbia politica ma,considero ancora, tutti i governanti degli USA delle persone infantili oppure dei sadici sanguinari e distruttori che non capiscono che certe guerre possono essere eliminate perchè dannose alla stessa America . Mio padre, avvocato civilista, mi diceva sempre che è meglio un cattivo accordo che una causa vinta, sia per il costo degli avvocati e sia per il tempo speso per arrabbiature varie. La guerra in Irak poteva essere evitata e molti giovanotti americani, oggi sarebbero andati a ballare e divertirsi nelle discoteche invece, sono morti unitamente a migliaia di Irakeni per la stupidità del Governo USA. In Afganistan, sarà uguale e allora domando al Governo Americano: perchè non prova a parlare con i Capi dei combattenti Afgani, invece di continuare a sparare ai fantasmi ? - Se non lo capiscono, anche lì faranno un grossissimo fiasco. Contenti loro!!!!

    Report

    Rispondi

  • Dream

    19 Agosto 2010 - 14:02

    speriamo che rimanga qualcuno ad aiutare quel popolo! ne ha bisogno!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog