Cerca

Sarkozy rimpatria i rom con 300 euro

"Deportazione volontaria", ma l'Ue critica la scelta contraria alle "regole sulla libera circolazione"

Sarkozy rimpatria i rom con 300 euro
La Francia di Sarkozy rimpatria i rom. Non una cacciata violenta, ma “deportazioni volontarie” di 93 cittadini romeni “tutti consenzienti”, che ricevano un contributo di 300 euro (100 euro per i minorenni). Le partenza in aereo in direzione della Romania, paese d’origine dei rom. Un primo gruppo di "14 persone provenienti da Parigi è atteso attorno alle 14,30" locali, ha detto il ministero romeno all’Afp, la massima agenzia di stampa francese. Un secondo gruppo di 79 persone arriverà da Lione attorno alle 17 locali in un altro aeroporto di Bucarest. Il ministero degli Interni francese, Brice Hortefeux, ha precisato di aver organizzato tre voli tra oggi e il 26 agosto per espellere i rom in situazione irregolare. Entro la fine del mese Parigi prevede di rinviare in Romania e Bulgaria circa 700 persone.

Ue critica - Ieri la Commissione europea aveva invitato la Francia a "rispettare le regole" in materia di libera circolazione dei cittadini europei: "La Francia come ogni altro  stato membro deve rispettare le regole" che garantiscono ai cittadini Ue i diritti relativi alla libertà di movimento e di insediamento”.

Romania e Bulgaria arrabbiate - "Deriva populista" che può generare reazioni xenofobe. La Romania ha messo in guardia ieri la Francia contro le espulsioni "collettive" di rom, basate su   "criteri etnici". Si tratterebbe di un passo, avverte oggi il ministro  rumeno degli Esteri Teodor Baconschi, in violazione delle leggi europee sulla libertà di circolazione e in contraddizione con la partnership strategica fra Francia e Romania. Le espulsioni, ha   sottolineato il ministro, possono avvenire solo nei confronti di singoli.
Anche in Bulgaria, come la Romania paese membro dell’Ue, si sono  levate voci contro la decisione francese. "L'espulsione, per dirla in   modo moderato, è antieuropea" e significa "che alcune persone sono accusate di una colpa collettiva", dichiara il sociologo Kolyo Kolev   all’agenzia stampa Focus. Il quotidiano Sega accusa intanto Parigi di   voler trasformare Romania e Bulgaria in un "ghetto dei rom". La Bulgaria è comunque pronta ad accogliere i rom che saranno espulsi,   come ha confermato in luglio il ministro degli Interni Zvetan Zvetanov. Su una popolazione di 7,6 milioni di persone, la Bulgaria conta 600mila rom, la metà dei quali vive a Sofia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • MAD

    21 Agosto 2010 - 11:11

    Ingiustificato, questi son ocomunitari, se ne vanno volontariamente, gli pagano il volo, gli danno 300 euro e dopo pochi giorni ritornano a ripetere il giochetto dato che appunto, sono comunitari, tanto entusiasmo per la solita inutile azione di puro stampo demagogico utile solo a pesare sul bilancio pubblico, tutto questo epr tentare di recuperare il consenso perduto, ma siete davvero così poco intelligenti da non riuscire a vedere come stanno le cose e che effetti può avere un'azione? Cos'è avete u ncervello fatto in maniera diversa che non riesce afare i collegamenti logici di causa/effetto?

    Report

    Rispondi

  • pasquino69

    20 Agosto 2010 - 16:04

    bello parlare così, sei uno di loro, nomade, che vive di espedienti, ma che non ti fanno entrare ne in china ne in America, sei un facinoroso e un komunistone. In china poi dovresti andarci e predicare i diritti Umani, anche in Iran ti vorrebbero ti aspettano, hanno veramente bisogno della tua missiva. Siete voi sinistri che ci avete riempito di tutta la feccia del mondo. E' difficile liberarsene, Il francese ci riuscira' mettendoli sull'aereo, Lo spagnolo gli spara, spende meno.

    Report

    Rispondi

  • alinghi858

    20 Agosto 2010 - 12:12

    Provate a chiedere l'elemosina in PIAZZA SAN PIETRO.Le guardie Svizzere vi infilzano. La Chiesa deve astenersi a commentare decisioni di Capi di STATO o di Premier,se vuole aiutare il prossimo lo aiuti nei loro paesi dove usi,lingua e costumi oltre la religione è circosritta nel territorio di appartenza chi creò le razze e le lingue?Io sono cristiano e difendo il debole e non domando quanti soldi ha o di che partito è ma purchè rispetti le persone che ha attorno,non mando i figli a elemosinare o schiavizzo le donne.

    Report

    Rispondi

  • franzmr

    20 Agosto 2010 - 07:07

    Io sarei un "komunistone" di quelli che grazie alle vostre "democratiche" leggi non sono più in parlamento, pur essendo vari milioni, se credi che la Cina sia comunista in che mondo vivi, è il paese più capitalista di vecchio stampo del mondo dove vige la schiavitù e fra poco supererà tutti, è il sogno dei padroni in terra, libertà economica totale e diritti dei lavoratori zero, a Cuba invece ci sono stato e ci starei volentieri, ricordando di confrontarla con i paesi limitrofi e non con la Svezia, io ne ho visitati diversi e non c'è confronto, non guardate solo la telvisione, girate un pò da soli, gli zingari non stanno simpatici a nessuno ma se credete che i problemi della criminalità siano loro sognate, inoltre gran parte sono cittadini italiani, francesi, spagnoli, e quelli li deve tenere, anche questi domani possono tornare in Francia e magari prendono altri soldi, così fanno avanti e indietro e ridono pure, chi te lo ha detto che ci piace tutta la gentaccia come te.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog