Cerca

Il Congo alla guerra totale

I ribelli minacciano Kabila

Il Congo alla guerra totale

Nessuno se ne occupa, ma la "guerra civile" del Congo, ormai sta diventando un conflitto pesante, che coinvolge Nazioni e centinaia di migliaia di persone. Vi proponiamo la testimonianza del padre comboniano Giulio Albanese*
La situazione sta drammaticamente precipitando nella Repubblica Democratica del Congo e la comunità internazionale sembra essere impotente di fronte alle devastazioni perpetrate dagli opposti schieramenti. Testimonianze concordi raccolte sul campo segnalano la presenza di soldati regolari dell’Angola e dello Zimbabwe al fianco delle truppe governative nella regione orientale del Nord Kivu. Al contempo, analoghe informazioni provenienti dalla società civile indicano la presenza di soldati ruandesi al fianco del ribelli, che continuano inesorabilmente ad avanzare. Dunque non si tratta più di una “guerra civile” avendo ormai la crisi armata acquisito una valenza panafricana; uno scenario che fa sembrare possibile una riedizione della seconda guerra congolese esplosa, dieci anni fa,  il 2 agosto del 1998.  Il cerchio si stringe attorno alla città di Goma, mentre si cercano soluzioni politiche, grazie anche al coinvolgimento dell’inviato speciale dell’Onu Olusegun Obasanjo. Il leader dei ribelli, Laurent Nkunda chiede negoziati diretti col governo di Kinshasa che fa orecchie da mercante, rifiutando l’offerta che, per certi versi, legittimerebbe Nkunda. E lui replica minacciando di marciare su Kinshasa per rovesciare il presidente Joseph Kabila. In questo contesto di grande sofferenza e incertezza, non lascia adito a fraintendimenti di sorta la coraggiosa denuncia dei vescovi cattolici congolesi secondo cui è in atto un genocidio silenzioso, messo in atto con crudeltà inaudita. Secondo i presuli, la violenza fa parte di un piano di spartizione del Paese e delle sue straordinarie risorse minerarie…  Martin Luther King diceva di non aver paura delle parole dei violenti, ma del “ silenzio degli onesti”.
* pubblicata su blog.vita.it 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fonty

    fonty

    17 Novembre 2008 - 11:11

    Sembra che se ne sia tornato a più tranquilli lidi.Infatti,ha già fatto alcune esternazioni..da baussa,tipo che la pulizia di napoli è merito suo,ecc.Stare in Africa,per lui,è troppo pericoloso e poi,da quando c'è andato le cose sono molto,ma molto peggiorate,si vede che porta sfiga anche là.

    Report

    Rispondi

  • babybaffy

    15 Novembre 2008 - 22:10

    Ma sbaglio o mortadella alias "Prodino l'Africano" era stato sbolognato in Africa come messaggero di pace dell'Onu ?? non doveva sovraintendere perchè tutto fosse tranquillo e non si ripetesse quella schifosa figura fatta dall'Onu in Ruanda ?? qualcuno lo ha avvertito di quello che succede in Congo ?? possibile che una telefonata non gliela abbia fatta neanche il suo kompagno di merende "Uolter Topo Gigio" in vacanza a Gardaland con la tata ?? dov'è "Prodino l'Africano"?? qualcuno lo ha sentito bofonchiare da qualche parte in giro x l'Africa ?? avvertitelo vi prego è l'unico che fra un sonnellino e l'altro può fare qualcosa ..............!!! Povero Congo.....!!! è spacciato !!

    Report

    Rispondi

blog