Cerca

Elezioni in Australia: né destra né sinistra hanno la maggioranza in parlamento

Dati ufficiosi: Laburisti oltre il 50% ma con un seggio in meno rispetto ai rivali conservatori. Decisivi gli eletti indipendenti

Elezioni in Australia: né destra né sinistra hanno la maggioranza in parlamento
Dalle elezioni nazionali in Australia sta uscendo un parlamento in bilico. Il partito laburista, ora al governo, e la coalizione conservatrice sono appaiati secondo i dati emersi dallo spoglio. Il leader dell’opposizione, Tony Abbott, conquista 73 seggi, mentre la rivale Julia Gillard si ferma a 72 (I verdi ne hanno 1 e 4 sono gli indipendenti eletti). Per disporre della maggioranza assoluta, però, sono necessari 76 seggi. È la prima volta dal 1940 che l’Australia si ritrova senza una maggioranza. Colpa della legge elettorale, si dirà. Nel voto totale il Labour sembra che abbia ottenuto il 50,5% dei voti (-2,6%) contro il 49,5% della coalizione.

Dando per scontato che Gillard possa arruolare anche il rappresentante ecologista, ago della bilancia saranno gli indipendenti: si tratta di tre ex membri del Partito Nazionale (tradizionalmente conservatore) e di un ex funzionario dell’intelligence, dimessosi a causa delle polemiche sulla guerra in Iraq: almeno due di loro sembrerebbero più disposti a schierarsi dalla parte dei laburisti, ma nessuno si è ancora pronunciato in merito ad una eventuale scelta.

I risultati definitivi non saranno resi ufficiali presto a causa degli 1,8 milioni di voti - in gran parte postali - emessi prima della giornata elettorale, e che saranno contati per ultimi.

Conservatore - Abbott è un ex seminarista schierato su posizioni intransigenti per quel che riguarda immigrazione, famiglia e persino cambiamenti climatici, sui quali si è dichiarato scettico. Non si è dichiarato vincitore ma ha detto che il voto dimostra se non altro che il Labour "ha perso la maggioranza e la legittimità a governare".

Laburisti
– Brusco atterraggio per Julia Gillard, subentrata appena due mesi fa a Kevin Rudd alla guida del partito e del governo. Aveva deciso di convocare le elezioni anticipate confidando nel buon andamento nei sondaggi. Fatale per lei potrebbe essere stata la proposta di una tassa sui sovraprofitti minerari.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog