Cerca

Iran, quotidiano filogovernativo attacca la première dame francese

Il motivo? Ha chiesto di salvare la vita di Sakineh, condannata alla lapidazione per adulterio

Iran, quotidiano filogovernativo attacca la première dame francese
Non si può dire che i media iraniani abbiano apprezzato l’intervento della première dame francese, Carla Bruni, in favore di Sakineh Mohammadi Ashtiani, la donna condannata alla lapidazione per adulterio dalle autorità di Teheran. E se da un lato la televisione di stato “Irib” l’ha accusata di “immoralità”, addirittura un editoriale del quotidiano filogovernativo "Kahyan", uno degli organi di stampa più vicino all'establishment della Repubblica Islamica, l’ha definita una “prostituta”. Accusata anche e l'attrice Isabelle Adjani, perché entrambe firmatarie della petizione a sostegno della donna lanciata dal filosofo Bernard-Henri Levy.

Nell’editoriale del giornale, ripreso dal sito del settimanale francese Nouvel Observateur, si legge: «Recentemente Carla Bruni, la moglie infame di Nicolas Sarkozy, e Isabelle Adjani, l'attrice francese dalla morale corrotta, hanno espresso il loro sostegno in favore di Sakineh. Carla Bruni si è data da fare per rovinare il matrimonio di Sarkozy e diventare la premiere dame di Francia». Nei giorni scorsi lo stesso Sarkozy era intervenuto a sostegno di Sakineh, dichiarando che la Francia "ha la responsabilità" di occuparsi di questa donna e definendo "medievale" la condanna inflittale.

La moglie del presidente Sarkozy la scorsa settimana aveva scritto una lettera aperta a Sakineh in cui esprimeva tutto il suo rifiuto per la pena inflittale. «Perché versare il suo sangue e privare i figli della loro madre?», si leggeva nella lettera della Bruni. «Dal fondo della vostra cella - proseguiva - sappiate che mio marito difenderà la vostra causa senza sosta e che la Francia non vi abbandonerà».

Intanto anche in Italia cresce la mobilitazione per salvare la vita della donna iraniana. Il 2 settembre a Roma, davanti alla sede dell'ambasciata iraniana di Via Nomentana, si terrà una manifestazione per chiedere alle autorità di Teheran di risparmiare la vita di Sakineh.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gasparotto

    30 Agosto 2010 - 17:05

    La Francia ha di che pentirsi come tutti coloro che gridavano ai tempi dei movimenti studenteschi: Persia sì,scià no! E ricordo bene chi guidava gli studenti iraniani con annessa canea italiota. La Francia ha allevato nel suo seno garantista il guru Khomeini,che ridusse a zero tutto il corso laicista dello scià. Scrisse una costituzione il cui incipit è: l'Iran è una repubblica fondata sul Corano(sic)! E sul Corano vengono emesse le condanne.Certo Carla Bruni. non avrebbe potuto permettersi di condurre in Iran la stessa vita che ha condotto in occidente ed infine in Francia. Sarebbe stata lapidata con pietre di porfido.Sarkò si è accoppiato con una premier dame molto loquace e presenzialista che non riesce a stare dietro le quinte,dimostrando così tutta la sua italianità. Nemmeno la moglie di Napoleone primo si permetteva tanto. Gli arabi fanno sul serio,sono mica degli zimbelli.Magari a volte sbagliano, da quelle parti non ci sono i partiti, ci sono sciiti e sunniti.Preti

    Report

    Rispondi

blog