Cerca

Terrorismo, arrestati due sospetti a Amsterdam

Provenivano da un volo partito da Chicago. Uno dei due è già stato rilasciato

Terrorismo, arrestati due sospetti a Amsterdam
Sventato un sospetto attentato a bordo di un volo della United Airlines. Due passeggeri, partiti dallo scalo O'Hare di Chicago, sono stati arrestati all’aeroporto di Schipol, Amsterdam, con l’accusa di aver voluto organizzare un attentato terroristico: è quanto hanno reso noto le emittenti televisive statunitensi.

Le forze dell’ordine dell’Aja hanno confermato la notizia del fermo chiesto dalle autorità americane. I due uomini sono stati identificati come Ahmed Mohamed Nasser al Soofi, di Detroit, in Michigan, e Hezem al Murisi, già rilasciato. La loro residenza non è ancora conosciuta ma secondo l’emittente Abc Al Soofi sarebbe un cittadino dello Yemen.

I sospetti della sicurezza si sarebbero concentrati su Ahmed Mohamed Nasser al Sufi, che perquisito al momento dell’imbarco a causa dei vestiti giudicati troppo spessi avrebbe avuto addosso 7mila dollari in denaro liquido, mentre nel bagaglio da stiva custodiva numerosi cellulari e tre coltelli. Ma nonostante ciò le autorità aeroportuali non hanno trovato tuttavia alcuna traccia di esplosivi o altri materiali espressamente vietati ed avevano consentito loro l'imbarco per Amsterdam, avvertendo però la polizia olandese sulla presenza di "soggetti sospetti".

Nei bagagli di Al Sofi, sarebbero state trovate delle “false bombe” per cui si pensa possa trattarsi di un “volo di prova” per cercare per un possibile futuro attentato. Sembra, comunque, che il suo bagaglio sia partito da Birmingham, in Alabama, caricandolo poi per Chicago. Poi una volta lì e fatto il check-in la valigia doveva essere spedita a Washington Dulles, quindi a Dubai. Lui però non “seguiva” il bagaglio ma si è imbarcato per Amsterdam. Così le autorità, accortesi che l’uomo non stava volando con la sua valigia, hanno disposto la rimozione dal velivolo.

Negli Usa sono stati introdotte nuove e più stringenti misure di sicurezza dopo che a Natale un nigeriano aveva tentato di azionare un esplosivo su un aereo in volo tra Amsterdam e Detroit.

Già lo scorso Natale un giovane, partito proprio dall'aeroporto di Amsterdam e diretto a Detroit, era stato arrestato con l'accusa di voler compiere un attentato. Il 23enne Umar Faruk Abdulmuttalab aveva nascosto nelle mutande un ordigno rudimentale. E proprio quell'ordigno era sfuggito ai controlli delle autorità.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog