Cerca

Obama annuncia la fine della guerra in Iraq

Adesso occorre "voltare pagina": si pensa a rilanciare l'economia. Ma non mancano le contestazioni

Obama annuncia la fine della guerra in Iraq
Dopo sette anni di guerra Barack Obama ha fatto l’annuncio definitivo alla nazione: "La guerra in Iraq è finita, è arrivato il momento di voltare pagina”. Dopo avere pagato "un prezzo enorme", ha detto l’inquilino della Casa Bianca, occorre adesso lasciare "la gestione della sicurezza totalmente in mano agli iracheni" e puntare l’attenzione al "rilancio dell’economia statunitense".

Durante il suo atteso discorso, durato 18 minuti, dallo Studio Ovale, Obama non ha parlato di vittoria militare e ha definito "una pietra miliare" e "un momento storico" la fine della guerra: «Abbiamo ritirato quasi 100.000 soldati americani dall’Iraq. Abbiamo chiuso centinaia di basi o le abbiamo trasferite agli iracheni», ricordando di avere tenuto fede a una "promessa" fatta durante la campagna elettorale per le presidenziali.

Obama ha osservato che il suo paese ha pagato "un prezzo enorme" in Iraq, dove più di 4.400 soldati americani sono morti dal giorno dell’invasione, nel marzo 2003, voluta dal suo predecessore George W. Bush. Il presidente ha invitato le autorità irachene a trovare "rapidamente" un accordo politico per la formazione del nuovo governo, a sei mesi dalle ultime elezioni.

Il presidente americano nel suo discorso ha anche approfittato per cercare di stemperare la preoccupazione degli americani sul fronte interno: «Il nostro compito più urgente è oggi rilanciare la nostra economia e creare lavoro per milioni di americani che lo hanno perso», ricordando che l’invasione dell’Iraq ha "determinato l’impiego di vaste risorse all’estero in un periodo di bilanci ristretti".

A Washington, tuttavia, non sono mancate le contestazioni. Alcuni repubblicani attribuiscono il merito del miglioramento della sicurezza in Iraq al "surge" avviato da Bush e dal generale Petraeus: «Certi leader prima si sono opposti con tutte le loro forze a questa strategia e ora ne rivendicano il merito», ha commentato ad esempio il deputato dell’elefantino John Boehner. Altri osservatori temono anche che la riduzione delle truppe sia stata troppo precipitosa e che l’Iraq rischi ora di finire in una guerra civile.

Il primo ministro iracheno Nouri al-Maliki si è tuttavia mostrato più che soddisfatto: «Abbiamo vinto la sovranità, l’Iraq è di nuovo indipendente». Proprio per garantire che gli americani non abbandoneranno l’alleato, Obama lunedì ha comunque inviato nel Golfo Persico il vice presidente Joe Biden, che si è detto convinto di un esito positivo della vicenda irachena: «Andrà bene per noi e andrà bene per loro».

In ogni caso ben 50mila soldati Usa rimarranno in Iraq nella nuova missione "Advise and assist", volta ad addestrare e coadiuvare l’esercito locale. Inoltre, 7mila contractor americani sono già alle dipendenze del governo di Baghdad. Per la "Operation New Dawn", cioè il nuovo corso delle truppe Usa in Iraq, oggi si svolgerà una cerimonia alla quale parteciperà lo stesso Biden.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • roberto19

    roberto19

    01 Settembre 2010 - 20:08

    Obama annuncia la fine della guerra in Iraq .................. i talebani , NO!

    Report

    Rispondi

  • bmvr60

    01 Settembre 2010 - 19:07

    L’Articolo 10 della Carta dei diritti fondamentali assicura la libertà di religione e la libertà di cambiare religione, questo diritto era garantito con il sig. Saddam nonostante tutto, L’Irak era in quel contesto l’unica democrazia tanto e vero che oggi i cristiani vengono massacrati con la democrazia imposta dagli americani.

    Report

    Rispondi

  • beppazzo

    01 Settembre 2010 - 19:07

    Nel 1989 o giù di lì due fisici americani Fleischman e Pons, dimostarano la possibilità di ottenere energia a bassissimo costo con la fusione fredda. Esperimento poi replicato in tutti i laboratori del mondo, anche da quelli italiani.Andate su internet e digiatate -fusione fredda- e vedrete che cosa è successo nel mondo scientifico e non a quella scoperta. Rubbia fu uno dei più ostinati detrattori della scoperta , chissà poi perchè? Lavora o lavorava a quella calda eppoi si devono ancora ammortizzare miliardi e miliardi di € e $ investiti nella ricerca e sfruttamento petrolifero , pagare tangenti e far viver bene - coi nostri soldi- un sacco di arabetti, caudillos sud americani qualche politico e signora nostrano ed internazionale.Così va il mondo con guerra annesse

    Report

    Rispondi

  • alexpuzer

    01 Settembre 2010 - 18:06

    o te ne sei fugito

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog