Cerca

Londra, si dimette il consigliere del Foreign Office accusato di un flirt omosex

Myers, consigliere speciale del ministro degli Esteri, ha lasciato il suo posto, ma nega la relazione con il 25enne

Londra, si dimette il consigliere del Foreign Office accusato di un flirt omosex
La calunnia è un venticello, si canta nel barbiere di Siviglia di Rossini. A Londra, il venticello è diventato un uragano e ha travolto il ministro degli Esteri, accusato di una relazione gay con un 25 enne impiegato nel corpo diplomatico.
La storia è montata su Internet e sui blog, al punto da rendere indispensabili le dimissioni del giovane.
Christopher Myers, questo il nome del consulente del segretario al Foreign Office britannico William Hague, si è dimesso dal suo posto oggi pomeriggio. 

L'annuncio è stato dato dal ministro stesso, Hague, in un comunicato, affermando che la ragione delle dimissioni sono state appunto le "accuse false e malevoli" nei loro confronti. Hague, che tramite un portavoce oggi aveva già smentito le voci sulla presunta relazione, ha ammesso di aver condiviso "occasionalmente" una camera d'albergo con il 25enne durante la campagna elettorale, ma ha aggiunto: "Nessuno di noi due lo avrebbe fatto se avesse immaginato che avrebbe potuto essere interpretato in questo modo". Il ministro ha inoltre definito le voci "una fonte di profonda pena per me, Ffion (sua moglie con la quale è sposato dal 1997, ndr) e Christopher". Hague ha inoltre chiarito le voci secondo le quali il suo matrimonio sarebbe in crisi e ha confessato che durante l'estate la moglie ha perso un bambino. "Abbiamo incontrato molte difficoltà, sofferto diversi aborti e appunto stiamo ancora soffrendo per la perdita di un bambino quest'estate. Sappiamo che l'infertilità può mettere sotto pressione un matrimonio, ma nel nostro caso, grazie al cielo, tutto questo ci ha se mai avvicinati".


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • emmanuel58

    02 Settembre 2010 - 10:10

    mi permetto di indirizzare meglio il tiro del tuo fucile... semmai, il paragone potrebbe farsi con l'affaire Marrazzo (purtroppo ben più imbarazzante..trovato in mutande con qualche pista di coca qua e là); nella perfida Albione, che pure ha trattato gli omosessuali anche peggio di Hitler nel passato, oggi non è un reato essere omosessuali, tant'è che ci sono vescovi (anglicani ovviamente) omosex, quando i nostri - poverini - sono costretti a farlo di nascosto; e ci sono ministri e alti funzionari omo o lesbo. Agli inglesi piace la chiarezza ... quanto al 'beati loro' non si capisce se invidi agli inglesi il fatto di cacciare via gli omos (e non è così) quanto a 'Ventolo' come lo chiami tu, dovrebbero essercene una decina a sinx e una dozzina a dx, almeno... a meno che la politica non debba passare - come purtroppo è - dall'uso delle parti intime del corpo o dai dosaggi ormonali... p.s: per quanto mi consta, riconosco che la redazione di Libero è la più liberale nei messaggi

    Report

    Rispondi

  • Ricafede

    02 Settembre 2010 - 09:09

    dove anche un mafioso può stare comodamente seduto in parlamento. Questa è civiltà.

    Report

    Rispondi

  • pasquino69

    02 Settembre 2010 - 08:08

    se ci fosse stato Ventolo cosa sarebbe successo, lo avrebbero lapidato lui ...Beati loro.

    Report

    Rispondi

  • ubik

    01 Settembre 2010 - 20:08

    attochio, a copenaken. Tutto pur di non parlare della m di casa nostra... :)

    Report

    Rispondi

blog