Cerca

Usa, militare sieropositivo organizzava festini, orge e scambi di coppia

Con le donne aveva rapporti sessuali non protetti. Ora è in carcere nella base di McConnell in Kansas

Usa, militare sieropositivo organizzava festini, orge e scambi di coppia
Cercava le sue vittime sui siti porno. Poi organizzava scambi di coppie e festini con sesso estremo, ma soprattutto non protetto. E tutto questo senza mai dire di essere sieropositivo e di avere l’Aids.

Il protagonista della vicenda è un militare americano, il sergente David Gutierrez di 43 anni, che ora è in carcere nel Kansas, nella base di McConnell di Wichita. Il militare è stato fermato il 9 agosto con l’accusa di violenza aggravata contro uomini e donne. Questo suo atteggiamento spregiudicato,infatti, è andato avanti per tre anni e nel corso di questo periodo ha messo in pericolo molti uomini e donne infettandoli con il virus dell’Hiv.

Il militare, prima di tornare nella sua patria, era stato di istanza nella base americana di Aviano. In realtà, però, non è ancora chiaro quando sia arrivato. Alcune fonti, non confermate, sostengono che Gutierrez potesse essere arrivato in Italia nel 2003. Solo una cosa è certa: già quando era ad Aviano ha avuto numerosi rapporti sessuali con partner cercate su siti porno o con coppie che acconsentivano allo scambio. E questo, come spiega “Il Gazzettino”, sarebbe acceduto sia in nella provincia di Pordenone, Udine e Treviso come confermato anche dalla moglie Gina.

Ma anche una volta tornato in Kansas, l’uomo pure sapendo di aver contratto la malattia, non informava le donne con cui aveva dei rapporti sessuali non protetti.
Secondo la testimonianza della moglie, però, il marito avrebbe contattato tutte le sue partner italiane per dare spiegazioni circa la sua malattia e per dire loro di fare dei controlli. Dunque alle autorità statunitensi spetta capire se Gutierrez abbia davvero informato le sue amanti circa la sua sieropositività.

È praticamente impossibile sapere quanti rapporti sessuali non protetti abbia avuto l’uomo ma la Procura militare americana che lo ha messo sotto accusa ha parlato di “numerosi rapporti”. Dunque questo fa supporre che lo stesso sia accaduto anche in Italia.
Dalla sua abitazione è stato portato via il computer, che potrebbe contenere indizi delle coppie contattate per lo scambio del partner e foto di donne con cui ha avuto un rapporto sessuale. Non è da escludere che anche le donne conosciute in Italia possano essere contattate.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • AndreF

    03 Settembre 2010 - 11:11

    Per questo maledetto bastardo che ha rovinato la vità di molte persone!

    Report

    Rispondi

blog