Cerca

Afghanistan, Karzai annuncia un tavolo di pace con i talebani

Al consiglio parteciperanno "leader jihadisti, figure influenti e donne". La lista stilata dal presidente afghano sarà resa nota la prossima settimana

Afghanistan, Karzai annuncia un tavolo di pace con i talebani

Dopo nove anni di scontri tra talebani e forze governative afghane, è giunta l'ora di aprire un tavolo di trattative per la pace. Ad annunciarlo è il presidente dell'Afghanistan Hamid Karzai.

L’istituzione dell’Alto consiglio rappresenta "un passo significativo verso un negoziato di pace", si legge in un comunicato diffuso dalla presidenza. Il progetto era stato approvato già a giugno durante una Jirga (assemblea consultiva) a Kabul boicottata dai talebani. Questa volta invece Karzai ha stilato una lista di partecipanti che include "leader jihadisti, figure influenti e donne" e sarà resa nota a metà settembre.

La scorsa settimana il portavoce del presidente Simak Herawi aveva detto che l'elenco avrebbe incluso combattenti talebani e dell’Hizb-i-islami, movimento estremista guidato dall’ex premier Gulbuddin Hekmatyar, sanguinario signore della guerra attivo soprattutto nell’area settentrionale del Paese. Alcuni miliziani del gruppo rivendicarono la strage di otto medici in Afghanistan ad agosto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dubhe2003

    04 Settembre 2010 - 21:09

    ...Mi sa che Karzai non la passerà mica tanto liscia,se i talebani si riprendessero il potere.A ridateci i talebaniiii! Non se ne può più di vedere i bambini giocare con gli aquiloni,le donne andare a scuola,giovani giocare al calcio,tutte cose offensive da vietare,pena gatto a nove code e sgozzamenti in pubblico.Ma che beffa é?

    Report

    Rispondi

  • Al-dente

    04 Settembre 2010 - 17:05

    Semplicemente ridicolo! Una volta di più si dimostra che tra Karzai e i talebani non c'è alcuna differenza "religiosa", fanatici sono ambedue dato che condivid0ono la stessa visuale di pensiero e di fede. Mi chiedo che cosa sono valsi tutti i sacrifici fatti finora in vite e denaro per lasciare le cose come erano prime a questi fanatici del piffero che prima o poi saranno pronti a ricominciare, infognati come sono nella loro assurda fede che gli fa assumere atteggiamenti disumani nei confronti del mondo e perfino delle loro stesse donne, per non parlare del rifiuto totale di qualsiasi livello di civiltà che non abbia a che fare con le armi o la droga. La guerra è stata inutile perché tutto finirà per permanere come prima dato che non si sono attaccati i loro principi vio0lenti a cui li costringe la loro fede. In definitiva è l'islam che è sbagliato ed è del tutto inutile prendersela con la gente che solo quello rispetta e vuole. Non si può combattere un fanatismo combattendo solo gli uomini, occorreva aggredire la loro fede ma non lo si è voluto fare perché è la fede di oltre un miliardo e 200 milioni di persone. Si è usato l’ipocrisia pensando di risolvere in questo modo le cose mentre non hanno fatto altro che sprecare soldi e vite. Via subito i nostri soldati da quei luoghi, sono del tutto inutili e muoiono per una causa del tutto inutile. Pensiamo piuttosto a sradicare l’islam da casa nostra prima che ci combini disastri non più gestibili.

    Report

    Rispondi

blog