Cerca

Urla il nome di un altro mentre fanno sesso, lui la uccide

L'omicida è stato condannato all'ergastolo dal tribunale di Manchester e potrà chiedere unos conto della pena tra circa 15 anni

Urla il nome di un altro mentre fanno sesso, lui la uccide
È stata uccisa per aver urlato il nome di un altro uomo proprio mentre stavano facendo l'amore. Così è morta Joanne Kitchen, 41 anni e madre di due figli. Il compagno, Gary Higgs di 44 anni, l'ha accoltellata e strangolata con del filo elettrico in preda a un raptus di rabbia dopo averla udita urlare "Chris" durante l'atto sessuale.  

I due si erano conosciuti l'anno scorso tramite il social network Facebook, e da dicembre vivevano insieme in un appartamento a Radcliffe, vicino a Manchester. Amici e parenti hanno raccontato che erano sempre sembrati una coppia "molto serena" e secondo quanto è stato appurato dalle indagini della polizia, Higgs non aveva motivo di sospettare che la compagna avesse un'amante.

Secondo quanto riporta oggi il
Daily Telegraph, l'omicida è stato condannato all'ergastolo dal tribunale di Manchester e potrà chiedere uno sconto della pena soltanto tra una quindicina d'anni. Il giudice che si è occupato del caso ha infatti sancito che "non ci sono scuse" per il suo comportamento. In tribunale Higgs si è dichiarato "molto pentito" delle sue azioni: «Non le volevo fare del male, ma mi sono infuriato nel sentirla gridare il nome di un altro, non ci ho visto più. Ora mi rendo conto di ciò che ho fatto e sono pentitissimo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • brutus

    11 Settembre 2010 - 11:11

    Io gli avrei concesso le attenuanti.

    Report

    Rispondi

blog