Cerca

Il boss di Ryanair: "L'effetto serra non esiste"

Michael O Leary si scaglia contro gli scienziati: "Non ci sanno dire il tempo di domani, ma possono prevedere le temperature fra 100 anni. E'una truffa"

Il boss di Ryanair: "L'effetto serra non esiste"
"Il cambiamento climatico? Non esiste". Anzi, a detta di Michael O Leary, amministratore delegato di Ryanair, sarebbe soltanto un'invenzione degli scienziati, creata da loro che, altrimenti, "perderebbero la metà dei finanziamenti".

Il boss della compagnia aerea low cost, in un'intervista rilasciata al britannico "Indipendent", si è scagliato, senza lesinare espressioni piuttosto colorite, contro ecologisti e studiosi. "Se credo al riscaldamento globale?" - ha detto O Leary- "No. Anzi, credo sia tutto una cavolata. Ma è incredibile come tutti questi eco-guerrieri e i media abbiano cambiato termine. Una volta si chiamava riscaldamento globale, ma, ora che le temperature sono rimaste invariate per 12 anni, è diventato cambiamento climatico".

Per il numero uno di Ryanair, ad ogni modo, il punto è un altro. Il clima sta cambiando, ma la responsabilità non è dell'uomo. L'intera vicenda, sempre secondo il suo parere, sarebbe dunque una truffa architettata dagli scienziati per ottenere i finanziamenti. "La comunità scientifica - ha aggiunto - ha peraltro quasi sempre sbagliato le previsioni. Nel Medioevo volevano scomunicare Galileo perchè tutti credevano che la Terra fosse piatta". E ha concluso: "Voglio dire: è strano che non riescano a dirci che tempo farà il prossimo martedì, ma possono prevedere con assoluta precisione le temperature globali fra 100 anni".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • brutus

    03 Luglio 2011 - 21:09

    Il cambiamento climatico é tutto una cavolata. Permette di tassare a tutto spiano, con la scusa di salvare la Terra, trà cent'anni. Chiunquie volglia togliersi lo sfizio, controlli le previsioni meteo, non ne azzeccano una. Che Dio ci liberi dagli ecologisti.

    Report

    Rispondi

blog