Cerca

Hamelin invasa dai topi

ora cerca il suo pifferaio

Hamelin invasa dai topi
È il 1284 quando Hamelin, ridente cittadina della Bassa sassonia, è invasa dai topi. Un uomo con un piffero si presenta in città e promette agli abitanti di iberarli dalla fastidiosa invasione. In  cambio del lavoro il borgomastro promette all'uomo una lauta ricompensa. Ed ecco che non appena il pifferaio inizia a suonare, i ratti restano incantati dalla musica e si mettono a seguirlo, lasciandosi condurre fino alle acque del fiume Weser, dove muoiono annegati. La gente di Hamelin, ormai liberata dai topastri, decide incautamente di non pagare il Pifferaio. Questi, per vendetta, riprende a suonare mentre gli adulti sono in chiesa, attirando a sé tutti i bambini della città...
È prprio il caso di dirlo. A volte la storia si ripete.
La storia del "Pifferaio di Hamelin", la famosa fiaba popolare tramandata dei fratelli Grimm, si ripete. E proprio nella cittadina della Germania nord-occidentale, che è nuovamente invasa dai topi. In un'area abbandonata ai bordi del centro storico, il numero dei ratti sarebbe cresciuto, quest'anni, a vista d'occhio e ora c'è il rischio che i fastidiosi roditori invadano anche le vicine aree edificate di recente.
Ma poichè non è chiaro a chi appartenga il terreno, per ora la città non può mandare gli esperti a derattizzare, ha detto il portavoce dell'amministrazione comunale, Thomas Wahmes. Per ora sono state sistemate trappole tutt'intorno alla zona infestata.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog