Cerca

Usa, oggi è il nono anniversario dell'attentato alle Torri Gemelle

Molte le commemorazioni. Obama: "Non siamo in guerra con l'Islam". Ma i talebani: "Via dall'Afghanistan"

Usa, oggi è il nono anniversario dell'attentato alle Torri Gemelle
Tra le dichiarazioni del pastore del pastore Terry Jones che voleva bruciare il Corano, e la polemica sulla costruzione della moschea a Ground Zero, oggi gli Stati Uniti commemorano il nono anniversario degli attentati alle Torri Gemelle dell’11 settembre 2001. Come lo scorso anno, il presidente Barack Obama sarà al Pentagono per onorare la memoria delle 184 persone che hanno perso la vita. Michelle, sua moglie, sarà con l’ex first lady Laura Bush, a Shanksville per ricordare il coraggio dei passeggeri del volo 93della United Airlines che hanno impedito ai dirottatori di raggiungere il loro obiettivo.

I luoghi di culto a New York suoneranno le campane alle 8.46 del mattino per commemorare il momento dell’impatto del primo aereo con le Torri e a Washington, la National Cathedral farà risuonare le sue campane per 9 volte prima del servizio religioso di mezzogiorno. Nella Grande Mela sarà presente il vicepresidente Joe Biden che affiancato dal sindaco della città Michael Bloomberg, introdurrà il primo momento di silenzio. La cerimonia per rievocare le 2752 vittime degli attacchi a Ground Zero, si terrà in un parco vicino e prevede quattro pause: due per ricordare il momento dell’impatto dell’aereo e due in coincidenza del crollo delle torri.

Ma sono previsti anche altri due raduni: uno per chi vuole la moschea, l’altro per chi non la vuole. Si teme che questi possano creare un malcontento tra le vittime e tra gli esponenti politici, molti degli oppositori al progetto, tra cui i repubblicani Peter King e Gary Bernstein, hanno preso le distanze dal raduno anti-moschea organizzato dalla blogger e giornalista Pam Geller. All’evento è prevista invece la presenza del parlamentare olandese estremista Geert Wilders. Mentre hanno declinato l'invito l’ex presidente della Camera, Newt Gingrich, e l'attivista del Tea Party e moglie del giudice della Corte Suprema americana Clarence Thomas, Ginni. 
 
Intanto, per evitare che questa giornata sia eccessivamente politicizzata, Obama ha invitato la nazione a considerarlo come un giorno di “servizio e commemorazione”. Anche ieri sera il presidente ha sottolineato:
"Non siamo in guerra con l’Islam. Siamo una nazione che chiama Dio con tanti nomi diversi. La tolleranza è la nostra forza, guai se ci dividiamo. Questo è un momento difficile per il nostro Paese e spesso in questi momenti c'è chi cerca di cavalcare l’amarezza, di dividerci in base alle nostre differenze, di nasconderci quanto abbiamo in comune. Ma in questo giorno ci viene ricordato che quando siamo al nostro meglio non cediamo a questa tentazione, ci alziamo uno affianco all’altro e combattiamo insieme. Non permettiamo che a definirci sia la paura ma le speranze che abbiamo per le nostre famiglie, per la nostra nazione, per un futuro migliore".

Dall'Afghanistan, intanto, arriva il monito dei talebani. "Gli Stati Uniti hanno fallito e devono ritirarsi mettendo fine all’occupazione illegale del Paese". Questo l'incipit del messaggio diffuso dai talebani.
"Nove anni dopo l’11 settembre, nonostante abbiano usato tutte le soluzioni militari possibili in Afghanistan, gli Stati Uniti hanno perso ogni possibilità di pace: agli Usa è rimasta solo una possibilità: ritirare le loro truppe dal Paese senza alcuna condizione".


Tra coloro che invece hanno voluto mostrare vicinanza agli Stati Uniti il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.
"L'anniversario dei devastanti attacchi terroristici che colpirono New York e Washington l’11 settembre di nove anni fa, è l’occasione per rinnovare l’espressione della fraterna vicinanza dell’Italia all’amico popolo americano, duramente provato da una violenza vile e ingiustificabile. I terribili attentati sul suolo americano sono stati purtroppo seguiti da altri attacchi parimenti distruttivi che hanno colpito città europee, africane e asiatiche. La comunità internazionale ha tuttavia saputo reagire con fermezza nella consapevolezza della necessità di contrastare il terrorismo in tutte le sue forme e di opporre un fermo rifiuto ad ogni manifestazione di violenza, sempre e comunque inaccettabile in quanto nemica della pace, delle libertà fondamentali, della dignità della persona umana e del diritto alla vita".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giogio72

    19 Ottobre 2010 - 16:04

    Quando sento parlare di accostamenti islam/torri gemelle mi accapono di brutto. Possibile che siamo così ciechi da non avere ancora capito che è staot tutto organizzato dalle banche e dai petrolieri per entrare in guerra? che le torri sono state una demolizione controllata, che il pentagono è stato colpito da un missile e chè l'aereo caduto nei boschi era una bomba? su via svegliamoci... intanto continuiamo a orire in afganistan mentre bush e i suoi amici hanno aumentato i poossessi in medio oriente e nuotano nel petrolio...

    Report

    Rispondi

  • peroperi

    12 Settembre 2010 - 04:04

    L'11 settembre ce lo ricordiamo tutti. Bush per primo si aggiro' tra le macerie fumanti e promise a tutti gli americani che sarebbe riuscito a sconfiggere i nemici dell'america. Disse anche e lo ricordo bene, che sarebbe stata una guerra diversa, che sarebbe stato necessario andare a cercare i veri nemici, che sarebbe durata molti anni e che non sarebbe stato facile. I nemici erano ovunque e disseminati in molti paesi per cui sarebbe stato necessaria anche una guerra di agenti segreti che avrebbero dovuto eliminare i talebani anche a uno a uno. Tutta l'america era con lui e lo appoggio' a lungo ma come sempre accade quando una cosa è lunga e difficile alla lunga stanca e ci si dimentica tutto sino al punto di odiare il presidente che una volta si amava. Adesso sta succedendo la stessa cosa con Obama. Prima era osannato adesso odiato. Chissà cosa vuole realmente la gente! Vota i suoi rappresentanti e poi non li riconosce piu'.L'importante èstare in casa con la pancia piena. GFP

    Report

    Rispondi

  • nicola.guastamacchiatin.it

    11 Settembre 2010 - 18:06

    Un giorno la Storia metterà a nudo le schifezze commesse sia dai fondamentalisti islamici che degli stessi americani.

    Report

    Rispondi

  • babylon 5

    11 Settembre 2010 - 14:02

    pensavo fosse un presidente migliore di tutti ed invece si e' rivelato un povero Bamba, senza spina dorsale e senza cervello. Essendo lui un mussulmano e con una istruzione islamica, mai dira' al mondo che quello che hanno fatto e' da condannare in toto. No, questo minchione permette anche una costruzione di una moschea. Bisogna essere dei pirla e lui lo e' di sicuro. Vedremo come si comporteranno, lui pensa che erano in una decina a dichiarare guerra all'America, mentre e' tutto il popolo islamico a volere la guerra. Obama, vai a nasconderti, sei senza palle e senza volonta'. Torna in Africa, farai meno danni. Ai mussulmani e' permesso tutto, possono bruciare le bandiere di tutti i paesi e noi non possiamo bruciare il corano?.Andate tutti a cag@@@ io ci butterei un candelotto, tanto non e' reato, e starei a vedere.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog