Cerca

"Beatificano un gay". Ecco l'ultima scusa per attaccare il Papa

Polemiche alla vigilia del viaggio apostolico in Gran Bretagna. E sulle tv inglesi in onda solo programmi critici

"Beatificano un gay". Ecco l'ultima scusa per attaccare il Papa
Più che un viaggio storico a distanza di 28 anni dall’ultima apparizione di un Pontefice nella terra d’Oltre Manica, la visita di Benedetto XVI in Gran Bretagna rischia di trasformarsi in una via crucis lunga quattro giorni.
Oltre agli annunciati cortei degli attivisti (che manifestano per il riconoscimento dei diritti di gay, lesbiche, coppie di fatto e sacerdozio femminile) e le solite polemiche per i modi giudicati troppo morbidi con cui la Chiesa romana sta affrontando la grana della pedofilia, ora al centro delle polemiche finisce anche il motivo stesso della visita di Joseph Alois Ratzinger, ossia la cerimonia di beatificazione per il cardinale John Henry Newman, che si terrà domenica 19 settembre a Birmingham, di fronte a circa 100mila persone.

Convertito e omosessuale –
Per quanto John Henry Newman resti uno dei nomi più rappresentativi della teologia e del pensiero cattolico, infatti, molti in Inghilterra non gli hanno mai “perdonato” la sua conversione al cattolicesimo nel 1845, dopo una lunga militanza nella chiesa anglicana. Per questo motivo anche la cerimonia ha contribuito ad alimentare le polemiche, con i contestatori (questa volta vicini al mondo ecclesiastico) che non vedono di buon occhio la beatificazione del cappellano anglicano dell’Università di Oxford. Qualcuno ha anche avanzato l’obiezione che Newman fosse omosessuale e che non meriti quindi tale riconoscimento.

Campagna mediatica – Cavalcando queste polemiche, anche le televisioni inglesi hanno allestito un palinsesto decisamente critico nei confronti del Pontefice. Lunedì sono andati in onda due programmi in prima serata: su Bbc One un’inchiesta sui preti pedofili dal titolo "What the pope knew" (Cosa il Papa sapeva) e su Channel 4 "The trouble with the Pope" (Il problema con il Papa), un approfondimento delle posizioni di Papa Ratzinger dall’Olocausto all’ordinazione delle donne vescovo. Mercoledì, alla vigilia dell’arrivo di Benedetto XVI, il secondo canale della Bbc trasmetterà alle ore 19 "Benedict: Trials of a Pope" (Benedetto: le prove di un Papa), nel quale si indaga sulla carriera religiosa di Joseph Ratzinger. Bbc Four trasmetterà il documentario "Vatican, the hidden world", frutto del lavoro di un anno e dell’accesso inedito ad alcuni documenti conservati tra i documenti della Santa Inquisizione.
Anche una marca di gelati "italiani" molto amata in Gran Bretagna va giù pesante: la Antonio Federici, il cui spot di una giovane suora incinta che mangia voluttuosamente un gelato è stata messo al bando dalla Advertising Standards Authorithy, ha promesso di fare il bis con un'altra pubblicità con cui vuole tappezzare di manifesti Londra nei giorni della visita del Papa. Lo spot della suora, comparso anche sulle riviste The Lady e Grazia, mostra la religiosa con un vistoso pancione mentre si delizia con un gelato Federici in chiesa ed è corredato dalla scritta: "Concepita immacolatamente".

Programma – Oltre alla beatificazione di domenica (con cui si chiuderà la quattro giorni di Benedetto XVI tra la Scozia e l’Inghilterra), nella tabella di marcia del Pontefice ci sono altri appuntamenti rilevanti. Giovedì 16 Ratzinger incontrerà la Regina Elisabetta presso lo Holyrood Castle a Edimburgo. Venerdì 17, invece, il Papa terrà un discorso nella Westminster Hall, in cui approfondirà l’idea cattolica di un dialogo tra Stato e religione in un Paese che è ampiamente secolarizzato come l’Inghilterra. Sempre venerdì si terrà anche la visita del Papa all’abbazia di Westminster, in cui reciterà i vespri con i vescovi della Comunione anglicana e con altri responsabili ecclesiali.
Sabato mattina, invece, il Papa celebrerà una messa con i vescovi dell’Inghilterra e del Galles nella cattedrale di Westminster, alla presenza di rappresentanti sacerdotali, religiosi e laici dei due Paesi. In chiusura, come detto, la beatificazione del cardinale John Henry Newman.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • prt

    19 Ottobre 2011 - 11:11

    Se anche i protestanti , e mi auguro di si, hanno letto nella Bibbia il capitolo di Adamo ed Eva...dovrebbero notare che in Uk certi protestanti ad anche altre categorie di persone si stanno TUTTI COMPORTANDO COME EVA....CIOE' CON I RAGIONAMENTI....E LE TEOLOGIE.....E LE TEORIE FILOSOFICHE....AVETE DECISO VOI COSA E' "GIUSTO" ANZICHE' ACCETTARE CIO' CHE DIO HA VOLUTO INSEGNARE AL MONDO. Ci sono persone CHE HANNO DEDICATO LA VITA A SEGUIRE E PORTARE LA VOLONTA' DI DIO NEL MONDO ANCHE SE CON METODI CIOE' SUDDIVISIONI RELIGIOSE DIVERSE. E STATE ATTACCANDO IL NOSTRO PAPA BASANDOVI SU TEORICI SOTTERFUGI E IPOTESI ORRENDE...., MA come puo' un Papa sapere in anticipo quali preti si comporteranno da pedofili ???NON E' UN INDOVINO!!!e come puo' cacciarli prima che la legge dello Stato dove sono abbia DIMOSTRATO LA LORO COlPA?

    Report

    Rispondi

  • jerico

    18 Ottobre 2011 - 12:12

    E qual'è il problema ? Adesso è di moda essere gay,anzi se non lo sei, vieni estromesso dalla società e ghettizzato .La Chiesa non condanna l'omosessualità, ma lo scandalo che se ne dà, per cui anche un cattolico che ha istinti sessuali ''deviati'' può aspirare alla santità, purchè viva tutto questo nel suo interiore,considerandolo un martirio.Dove sono i teologi ,tanto indaffarati a spiegare le cose dello Spirito? Li invito ad illuminarci in merito.

    Report

    Rispondi

  • peroperi

    21 Settembre 2010 - 21:09

    ...non ne azzecca una. prima i preti pedofili ma la Chiesa non aveva controllato sufficientemente, poi lo IOR ladro, una pecorella smarrita adesso un beato Gay ma siamo nel tremila. O è un Papa Trendy o è accompagnato dalla sfiga. peroperi

    Report

    Rispondi

  • RANMA

    16 Settembre 2010 - 09:09

    Allora, secondo me c'è un sacco di confusione e confusionati in giro. Pare pur ammettendo che non condivido quasi nulla di quello che dice il Papa e ssoprattutto la chiesa,ci sono delle cose che non si possono ignorare. Il Papa fa il suo mestiere che è quello di dettare i dettami della nostra religione e deve essere coerente,non può un credo mutare come uno "Svorticone" di punto in bianco e per far comodo a tutti noi, pensare diversamente da quello che per 2000 anni è ancora lo "statuto" religioso, sarebbe come se di punto in bianco il nostro codice delle leggi direbbe"Ora basta ,potete passare con il rosso se avete fretta,potete stuprare se ne avete bisogno o rubare se vi servono soldi..etc." Assurdo no?! Il Papa non può fornire il pass ai cambiamenti di costume per ovvie ragioni. Dunque se non ci vanno giù le regole cattoliche si può fare semplicemente una cosa "Cambiare religione" farci Anglicani o Buddhisti...E per favore, lasciamo a Cesare ciò che è di Cesare..!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog