Cerca

New York spegne le sigarette

Il sindaco ha proposto di vietare il fumo sulle spiaggie e nei parchi. La legge deve essere approvata ma per il primo cittadino ormai i giochi sono fatti

New York spegne le sigarette
Vita sempre più dura per i fumatori statunitensi. Il sindaco di New York, Michael Bloomberg, ha proposto di vietare il fumo anche nei parchi e sulle spiaggie. Niente più sigarette quindi sui 22 chilometri di sabbia e nei 1.700 parchi della Grande Mela, dalla famosa spiaggia di Coney Island a Central Park ma anche a Time Square. “La scienza è chiara in materia: un’esposizione prolungata al fumo passivo nuoce alla salute - ha detto il sindaco, ex-fumatore - è giunto il momento di agire su questo problema”.

Se la normativa dovesse essere approvata ufficialmente dal consiglio comunale di New York, i  trasgressori d’ora in poi dovranno pagare multe fino a 250 dollari (quasi 200 euro). Secondo Bloomberg, che già aveva sfidato l'opposizione mettendo al bando le sigarette nei bar e nei ristoranti sette anni fa, l’ufficializzazione della legge è solo una formalità.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • omarfrankfurt

    20 Settembre 2010 - 08:08

    bravo

    Report

    Rispondi

  • gingian

    17 Settembre 2010 - 07:07

    E se facessimo invece una cosa più intelligente e coerente!? Facciamogli fare l'inversione come si è chiesto da anni alla Tailandia per l'oppio? I divieti sono solo per il livello più basso della società. UN BEL DIVIETO A PRODURRE ALLE AZIENDE INVECE????????? È lo sò senza guerre, sigarette e benzina l'AMERICA è NIENTE.

    Report

    Rispondi

  • beppazzo

    17 Settembre 2010 - 07:07

    Ma come non è il paese della libertà?

    Report

    Rispondi

  • 1964ma

    16 Settembre 2010 - 23:11

    Le sigarette sono un prodotto cancerogeno che crea una fortissima dipendenza tant'è che smettere di fumare è spesso un'impresa eroica. Questa è la verità e finalmente nel mondo si inizia a trattare questo prodott/spazzatura per quello che merita. Ad es. in Giappone è vietato fumare in qualsiasi luogo pubblico strade comprese... altro che il blando divieto di New York. Detto questo benvenuto il divieto sulle nostre spiagge se non altro ci libereremmo degli orrendi mozziconi barbaramente disseminati nelle nostre spiagge da sogno che tutto il mondo ci invidia. P.S. ex fumatore che si è accorto per tempo di essere solo un drogato legalizzato.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog