Cerca

Mezzo flop per le elezioni in Afghanistan

Bassa affluenza al voto in tutto il Paese. Hanno vinto le intimidazioni e gli attentati talebani, con 14 morti solo oggi

Mezzo flop per le elezioni in Afghanistan
Non è certo una bella giornata per l’Afghanistan. In occasione delle votazioni per il rinnovo della Camera bassa del Parlamento, a vincere sono state le intimidazioni dei talebani.
Per quanto i dati ufficiali sull’affluenza verranno diramati solo in serata, i primi exit-poll parlano di una bassa affluenza alle urne. Una tendenza intuibile già a metà giornata, quando a mezzogiorno gli elettori recatisi alle urne erano stati solo il 32% del totale.  Al contrario sono state moltissime le vittime della giornata, con 14 persone che hanno perso la vita, tra le quali 11 civili e tre poliziotti. Lo ha riferito il ministero dell’Interno.

Urne vuote – La popolazione afghana, chiamata alle urne per la seconda volta dopo la caduta del regime talebano del 2001, non ha risposto all'appello del presidente Karzai di recarsi a votare. Da quanto sostiene al-Jazeera, a Kandahar, provincia meridionale, solo una piccola percentuale degli elettori registrati si è presentata alle urne: secondo le stime solo 200 su 1080 registrati hanno espresso il loro voto nel seggio più grande della città e la situazione è certamente peggiore nelle aree periferiche, dove è particolarmente forte la presenza dei Talebani. Sembra bassa anche l’affluenza nella capitale Kabul dove, tuttavia, si sono presentati alle urne più elettori che alle presidenziali dello scorso anno.

Denuncia brogli – In molte città il voto è stato caratterizzato dalla denuncia di brogli. A Mazar-e Sharif, nel nord dell’Afghanistan, molti elettori si sono recati al voto più volte, usando schede diverse. Secondo un membro della commissione elettorale, citata da al-Jazeera, almeno il 50% delle schede votate è frutto di brogli. Anche a Kabul si ha notizia del ritrovamento di tessere false e lo stesso è accaduto nella provincia meridionale di Helmand e in quella settentrionale di Kunduz.

Intimidazioni –
Ma soprattutto, per quanto le forze armate abbiano impedito alla situazione di degenerare, a tenere banco sulle votazioni sono state le pressioni dei Talebani, con la crescente paura di attentati.
Dopo il rapimento di ieri di 18 persone, tra operatori elettorali e attivisti e la morte di un militare italiano, oggi nelle prime ore della mattina tre persone, inclusi due scrutatori, sono rimaste ferite per l’esplosione di un ordigno in una scuola nella città di Khost utilizzata per il voto.
Nella notte un razzo ha colpito l’area del quartier generale della Forza internazionale di assistenza alla sicurezza sotto il comando Nato, nel centro di Kabul, senza comunque fare vittime. Un’altra bomba è esplosa in un quartiere a Sud della capitale causando un ferito. Sei razzi sono poi caduti su Jalalabad e hanno colpito una casa.
Un bus che trasportava cittadini afghani che si stavano dirigendo a votare è saltato su un ordigno nella Zeerko valley, distretto di Shindand, nell’area sotto comando italiano: sei i morti e cinque i feriti, secondo fonti della missione Nato Isaf. I militari italiani stanno intervenendo per prestare soccorso ai feriti. L’attentato è avvenuto alle 11.40 locali, le 9.10 in Italia. La scorsa notte, sempre nella famigerata Zeerko valley, un autobus che trasportava al voto delle persone - nel caso specifico dei nomadi "cuchi" - era saltato su un altro ordigno. Nessuna vittima, solo qualche ferito.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Al-dente

    19 Settembre 2010 - 12:12

    Quella gente non sa nemmeno cosa vuol dire democrazia, da quelle parti vale solo la sharia e i dettati del corano che sono di per sè un progetto politico e sociale collettivo all'unanimità, di conseguenza parlare di democrazia in quei luoghi è da sempre fuori luogo, sono gli occidentali che s'illudono di portare la civiltà, il meglio che hanno e conoscono, purtroppo per gli islamici la cosa è senza significato, quindi tutti gli sforzi in tal senso sono inutili. L'unica cosa che capiscono è chi, sempre sotto il modello islam, debba comandare. E evidente che nonostante gli anni di intervento dell'occidente le cose sono in una situazione di stallo, anzi! I talebani avanzano e progrediscono mentre gli americani hanno già dichiarato stupidamente da parte di Obama che vogliono andarsene nell'estate del 2011. Perciò che senso avrebbe votare per qualcuno, arrischiando la propria vita solo per farlo, sapendo che sta per perdere da qui a poco tempo?

    Report

    Rispondi

  • rocc

    18 Settembre 2010 - 20:08

    ma come si fa a parlare di flop nelle elezioni di un Paese flagellato dal terrorismo! il 40% è già tanto per gente che se va a votare rischia di essere uccisa! raccomando a Libero-online di usare, specie nei titoli, parole un po' meno conformiste e meno politicamente corrette

    Report

    Rispondi

  • idleproc

    18 Settembre 2010 - 19:07

    Per tradizione, quelli dell'UDC, Casini, Prodi e tutti gli ex-democristiani sparsi in giro per i vari partiti e poltrone, si chiamano "truppe cammellate".

    Report

    Rispondi

  • ubik

    18 Settembre 2010 - 12:12

    sono piu democratici di noi... In italia non si vota si fa la tratta degli schiavi UDC :)))

    Report

    Rispondi

blog