Cerca

Sarkozy: "Tassa sulle transazioni finanziarie per la lotta alla povertà"

A New York l'Onu fa il punto sugli Obiettivi del Millennio varati nel 2000. All'appello mancano 120 miliardi di dollari

Sarkozy: "Tassa sulle transazioni finanziarie per la lotta alla povertà"
Quanto è lontano l’Onu dal raggiungimento degli obiettivi del millennio? La risposta a questa domanda verrà data nei prossimi giorni al Palazzo di Vetro, sede della 65° sessione di lavoro dell’organismo internazionale.
Sui tavoli dei 140 capi di Stato e di governo i temi più spinosi che hanno contraddistinto in questi ultimi anni i dibattiti delle Nazioni Unite, su tutti quello della fame nel mondo.

Gli otto punti – Al centro della discussione quei "celeberrimi" otto punti approvati ormai dieci anni fa e che dovrebbero essere raggiunti entro il 2015: dimezzare il numero delle persone che vive con meno di un dollaro al giorno, garantire l’istruzione primaria a tutti, promuovere la parità dei sessi, ridurre la mortalità infantile, migliorare la salute materna, garantire la sostenibilità ambientale, sviluppare un partenariato mondiale per lo sviluppo e bloccare la diffusione l’Hiv-Aids, malaria e altre malattie e invertire la tendenza.
Il segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon ha detto che dei 145,7 miliardi di dollari promessi alle Nazioni Unite dai Paesi ricchi al G8 di Gleneagles, in Scozia, mancano ancora 26 miliardi. Il segretario generale ha insistito sulla necessità di un maggiore impegno politico e di una maggiore determinazione per centrare gli Obiettivi, fermo restando le difficoltà create dalla crisi prima finanziaria e poi economica mondiale. Ma sia gli esperti Onu sia le organizzazioni non governative impegnate su questi fronti sottolineano che per centrare tali obiettivi di miliardi ne servono altri 120.
"So che c'è scetticismo, ma questa è una promessa, un progetto dei leader mondiali per risollevare miliardi di persone dalle loro condizioni di povertà" ha ribadito Ban Ki-moon.

Proposta Sarkozy - Proprio in virtù del fatto che la sostenibilità economica degli otto punti rimane alquanto difficile,
il presidente francese, Nicolas Sarkozy, ha proposto una tassa su tutte le transazioni finanziarie.

Italia inadempiente – A proposito di fondi mai pervenuti all’Onu nella riduzione della fame del mondo, Oxfam Italia tira le orecchie al Belpaese.
"L’Italia si presenta al vertice Onu di New York sugli Obiettivi di Sviluppo del Millennio con una gravissima responsabilità – si legge in una nota diramata dall’associazione che si occupa della povertà e dei Paesi del terzo mondo –. Quasi metà degli aiuti promessi dall’Unione europea ai Paesi più poveri manca all’appello per colpa del nostro governo. L’Italia è responsabile di un ammanco del 40% rispetto agli aiuti promessi dall’Unione europea per raggiungere gli otto obiettivi sottoscritti nel 2000. A un appuntamento cruciale come il vertice Onu di New York, l'Italia rischia quindi di perdere la sua residua credibilità davanti al mondo intero".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • COCCINELLA

    22 Settembre 2010 - 09:09

    MA CHE SI ABBASSINO TUTTI I POLITICI +TUTTI QUELLI DELLA UE GLI STIPENDI ECC.....VEDI CHE NON C'è BISOGNO DI TASSARE NULLA!FINCHE' AVRANNO STIPENDI E COMPENSI D'ORO ,LE TASSE NON BASTERANNO MAI!E VALE PER TUTTA L'UNIONE EUROPEA. DIMEZZARE LORO E I LORO STIPENDI COME PRIMA COSA.

    Report

    Rispondi

  • satiral

    21 Settembre 2010 - 11:11

    Quanto proposto dal presidente francese influirà molto negativamente sul PIL mondiale ed europeo, ergo: è una proposta surreale e impraticabile. In secondo luogo, chiederei a Sarcò: " E chi li saprà gestire i quattrini destinati ai poveri del mondo? Se li gestiscono le nazioni unite i poveri beccheranno le briciole". Complimenti presidente; senza accorgersi si è lasciato irretire dagli "spreconi universali". La ritenevo più autorevole; lei non ha nulla da farsi perdonare (rom compresi). satiral

    Report

    Rispondi

  • S.Winston

    21 Settembre 2010 - 10:10

    Meno transazioni finanziarie, meno speculazioni e più economia reale....la finanza creativa ha fallito miseramente, che vengano pian piano tartassati ed escano dal loro olimpo dorato costruito sul sudore di molti per l'arricchimento scandaloso di pochi....ma si sa che appena si intraprende quella via un proiettile "vagante" si trova nel posto sbagliato al momento giusto....kennedy insegna...

    Report

    Rispondi

  • pietrafocaia

    21 Settembre 2010 - 09:09

    lo stazzo è limitato! Ricordate quando questa eventualità la sussurrava la SINISTRA? Tutti addosso come gli avvoltoi intorno ad una carcassa! Vedete che il circuito delle idee innovative si saldano, e a nessuno è data l'opportunità di dire qualcosa di nuovo? Per venire a casa nostra, assistiamo impotenti, quasi, al dilagante strapotere della LEGA, basata sul più puro populismo che si chiama razzismo. E bene, copiando il copione la CGIL nota sigla dalle origini contrapposta alla Lega, ossia un populismo dal di dentro, oggi dice IL LAVORO PRIMA ALGLI ITALIANI. Lo stazzo è sempre più ristretto. Meditiamo!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog