Cerca

Ahmadinejad scuote l'Onu: "Una guerra con gli Usa sarebbe senza limiti"

Pesante esternazione del premier iraniano a poche settimane dalla ripresa dei trattati sul nucleare

Ahmadinejad scuote l'Onu: "Una guerra con gli Usa sarebbe senza limiti"
Nemmeno questa volta Mahmoud Ahmadinejad ha approfittato dell’opportunità di stare in silenzio. Presente a New York all’Assemblea generale dell’ONU in cui sono presenti 140 capi di stato per discutere soprattutto della riduzione della povertà nel mondo, il presidente iraniano ha sfruttato la presenza dei giornalisti per fare una nuova esternazione che, oltre a far discutere, fa tremare i polsi.
Ahmadinejad, infatti, ha avvertito il mondo e i tanto odiati Usa.
"Se scoppia una guerra con gli Stati Uniti, questa non avrebbe limiti. Gli Usa non hanno mai conosciuto una vera guerra e comunque non ne sono mai usciti vittoriosi. Quando una guerra comincia, essa non conosce limiti".

Un’altra grana internazionale, quindi, aggravata dal fatto che l’Iran ha inaugurato proprio un mese fa la sua prima centrale nucleare al porto di Bushehr. Certo un grattacapo che verrà affrontato dal Consiglio dei 5+1 (Usa, Germania, Francia, Gran Bretagna, Russia e Cina), che dovrebbe riprendere in mano la situazione nelle prossime settimane.

Dopo le esternazioni del presidente Ahmadinejad, tuttavia, anche gli israeliani hanno immediatamente sollevato la questione, chiedendo alle sei potenze internazionali di affrontare con più "aggressività" il problema.
"Le sanzioni non sono sufficienti – ha dichiarato il ministro della Difesa israeliano, Ehud Barak –. Entro due anni la Repubblica islamica potrebbe teoricamente dotarsi di armi atomiche. Per questo dobbiamo iniziare a considerare cosa verrà dopo. A tal proposito non crediamo che ci siano opzioni che possano essere escluse e raccomandiamo questa politica agli Stati amici".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • belial

    22 Settembre 2010 - 13:01

    Il fatto è che i mussulmani iraniani, a ben vedere, son piu occidentali degli occidentali. La mia non è una sterile provocazione, ma una descrizione di come vanno le cose. Insomma il presidente iraniano fa finta di non capire, o non capisce, ( il che è peggio ) che l'islam è superato, è tramontato, dalla sua voglia del nucleare e dal potere che ne deriva. I limiti dell'islam e della sua legge, e del suo voler dire all'uomo coem debba vivere è funzionalizzato, proprio come il comunismo statolatrico dell'est, alla potenza dell'apparato militare e scientifico, e alla fine cosi come è tramontato quello, tramonterà la pretesa dell'islam di voler porre dei limiti all'uomo, proprio perchè l'islam stesso per vivere ha bisogno di ricorrere al nucleare : diventa mezzo in vista del fine che è l'ampliamento all'infinito dell'apparato scientifico militare.

    Report

    Rispondi

  • glicerio

    22 Settembre 2010 - 12:12

    Purtroppo occidentali e arabi litigano dalla notte dei tempi. mamma li turchi, di diceva non per caso...Io me la prendo, pace all'anima loro, con quei fisici che nella vita non avevano niente di meglio da fare che tirar fuori sta storia del nucleare...è stata già usata una volta, verrà usata di nuovo. Tanto noi non valiamo un cavolo e magari non ce la buttano qui, moriremo tutti di cancro dopo dieci anni cmq..

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    22 Settembre 2010 - 12:12

    Senza limiti, chi vuole intendere intenda, vuol sicuramente dire che ci saranno anche le armi nucleari. Il pazzo ci ha preavvisati.

    Report

    Rispondi

  • ariete11

    22 Settembre 2010 - 12:12

    Si parla tanto della fine del momdo che dovrà avvenire nel 2012. E' quasi sicuro che l'Iran fra due anni avra la bomba atomica, Non sarà questa coincidenza a scatenare una reazione a catena di distruzine del mondo intero?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog