Cerca

Allergie, in coma per colpa di un gelato

Ora la ragazza ha difficoltà nel parlare e si muove per mezzo di una sedia a rotelle. È successo mentre era in vacanza in Turchia col suo fidanzato

Allergie, in coma per colpa di un gelato
Stava trascorrendo, insieme al suo fidanzato, una vacanza in Turchia e mai e poi mai pensava a una sciagura. Quel giorno faceva così caldo che, Rachel Devine di 25 anni del nord Irlanda, ha deciso di mangiare un bel gelato. La ragazza ha avuto una forte reazione allergica a uno degli ingredienti contenuti nel dolce, il latte di capra, di cui ne ignorava la presenza.

Rachel si è accorta subito che qualcosa non andava perché dopo aver assaggiato il gelato ha avuto difficoltà di respirazione che poi si è trasformata in una crisi epilettica. In seguito è collassata ed è entrata in coma tra le braccia del suo fidanzato Chris Mee di 27 anni. Da lì una corsa sfrenata all’ospedale più vicino e successivamente il trasferimento nel suo Paese.

Così come racconta lei stessa in una intervista al The Sun: "Eravamo in Turchia, faceva caldo e io e Chris decidemmo di comprare un gelato dopo soltanto un assaggio, ho iniziato a sentire un formicolio alla lingua. Ho gettato via il cono e mi sono seduta, perché il mio respiro si faceva affannoso: ricordo di aver usato 3 o 4 volte il mio inalatore, ma senza effetto, e continuavo a stare sempre peggio. Dopo pochi minuti, ho perso conoscenza, e mi sono risvegliata in un ospedale in Irlanda del Nord, parecchie settimane dopo".

I medici, dopo un’analisi iniziale molto pessimista dicendo che non ce l’avrebbe fatta, si sono ricreduti: la ragazza dopo 4 settimane ha ripreso conoscenza anche se non riusciva né a parlare né a camminare. "Lo staff dell'ospedale di Belfast era pessimista, hanno detto più volte che le persone nella stessa situazione di Rachel non ce l'avevano fatta - racconta Chris - dissero a me e ai suoi genitori di prepararci al peggio. Per fortuna non è stato così".

Grazie a mesi di duro lavoro ora Rachel riesce a farsi capire anche se ha ancora qualche difficoltà. Per muoversi ha bisogno della carrozzina nonostante stia facendo grandi progressi: con l’aiuto del fidanzato riesce a stare in piedi. Ma la ragazza ha detto di aver la grinta e la forza per ritornare a essere quella di prima.  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog