Cerca

Gerusalemme, muore bimbo palestinese

Continuano gli scontri nella capitale d'Israele. I gas lacrimogini lanciati dalla polizia hanno fatto una vittima di 14 mesi

Gerusalemme, muore bimbo palestinese
Non si fermano gli scontri a Gerusalemme est. Nella notte del 24 settembre è morto un bambino palestinese di 14 mesi. Il piccolo è stato soffocato dai gas lacrimogeni lanciati dalla polizia che era intervenuta per fermare i disordini.

La situazione è peggiorata mercoledì 22 settembre dopo l’uccisione di un palestinese per mano della guardia di difesa dei coloni israeliani nel quartiere di Silwan. Nella zona continuano gli incidenti. Qualche piccolo scontro anche a Wadi Joz e Ras al-Amud mentre centinaia di giovani hanno lanciato pietre contro le forze di sicurezza di Issauia.

Diciotto palestinesi sono stati arrestati, tra cui alcuni membri di Fatah, legati al presidente dell’autorità palestinese Mahmoud Abbas. Tra gli uomini in manette, c’è chi ha detto di voler difendere il proprio popolo dai sopprusi dei coloni israeliani.

Le trattative di pace, che i giorni scorsi avevano dato segnali di speranza, si sono bloccate. Il premier Netanyahu si è mostrato disponibile a un compromesso ma, ha precisato un responsabile, “non si può avere zero costruzioni”. Il primo ministro, sostenuto da partiti a favore dell’espansione delle colonie, non può fare di meglio. La parte palestinese, invece, esige il blocco totale degli insediamenti. Per Abu Mazen, una moratoria in Cisgiordania sarebbe troppo poco.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Chaim

    27 Settembre 2010 - 17:05

    Quelli non hanno le palle, sono solo stupidi e ignoranti ed e' quello l'unico problema...

    Report

    Rispondi

  • franziscus

    26 Settembre 2010 - 19:07

    alla manifestazione ?

    Report

    Rispondi

  • ariete11

    26 Settembre 2010 - 12:12

    Quello che succede tuti i giorni, in Medio Oriente , tra imboscate, attentati e morte dei civili, fa capire benissimo che il clima di una pace definitiva n questi territori, non c'è proprio l'intenzione di attuarla. Inutile farsi illusione, e tanto meno loro. Purtroppo le cose andranno così per chissà ancora quanto tempo. C'è speranza? mah!

    Report

    Rispondi

  • galberio

    25 Settembre 2010 - 23:11

    stateci attenti, a tirar troppo la corda, la si spacca. questa politica vi ha giá costretti ad erigere mura attorno a una cittá, cosa che non si vedeva da qualche secolo. e poi non dimenticatevi mai che quelli lí, le palle ce le han davvero dure. sono arrivati 3000 anni fa, e nessuno mai li ha vinti definitivamente. e, sopratutto, non si sono mai allontanati da casa loro. attenti!

    Report

    Rispondi

blog