Cerca

New York indaga sul fratello di Karzai

Mahmud, 48 anni, cittadino americano, è accusato di corruzione, racket ed estorsione

New York indaga sul fratello di Karzai
Il fratello maggiore del presidente afghano, Mahmud Karzai, 48 anni, cittadino americano da oltre un ventennio, è finito sotto inchiesta a New York per corruzione, racket e estorsione. A rivelarlo è il Wall Street Journal, che pone l'accento sull'imbarazzo dell'amministrazione americana di fronte a un'indagine che rischia di compromettere i già precari rapporti tra Stati Uniti e Afghanistan.

Ma, secondo l'opinione pubblica locale, non sarà preso alcun provvedimento contro Karzai senior, da anni sospettato di aver creato il suo patrimonio da 12 milioni di dollari grazie a traffici illegali. Non si arriverà a nulla almeno fino a quando Barack Obama non porterà a termine la sua strategia politico-militare in Afghanistan. Anche la sicurezza ostentata da Mahmud porterebbe in questa direzione: "La mia vita - replica tranquillo l'affarista afghano - è un libro aperto. Sono solo un uomo d'affari, non troveranno nulla su di me".

Il patrimonio
- Il fratello maggiore del presidente Hamid ha iniziato ad arricchirsi negli States aprendo un ristorante. Ma da nove anni, cioè da quando è partita la missione americana in Afghanistan, la sua fortuna economica è inspiegabilmente cresciuta a vista d'occhio. Tra i vari beni di cui dispone, Mahmud detiene anche il 20% del progetto di sviluppo edilizio in "stile americano" nel deserto alla periferia di Kandahar.

La procura federale di New York starebbe indagando anche su alcuni dirigenti di banche afghane e presunti trafficanti di oppio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog