Cerca

Gaza, esaurite scorte di farina

Il pane si fa con i mangimi

Gaza, esaurite scorte di farina
La chiusura totale delle frontiere della Striscia di Gaza per il diciannovesimo giorno consecutivo sta letteralmente mettendo in ginocchio la popolazione. Le scorte alimentari sono finite, e al posto della farina i pochi fornai rimasti ancora aperti stanno ormai da alcuni giorni utilizzando il mangime degli animali per fare il pane. la notizia è riportata sul Middle East Times.i Secondo il ministro della difesa Ehud Barak ha però assicurato che Israele sta per autorizzare una parziale riapertura delle frontiere attraverso il valico di Kerem Shalom: decisione particolarmente attesa dall'agenzia delle Nazioni Unite Unrwa, che fornisce supporto alimentare alla popolazione della Striscia e che sta esaurendo le provviste.
 Intanto il segretario generale dell'Onu, Ban Ki-moon, lancia un nuovo appello, sottolineando quanto sia preoccupante "la situaizone umanitaria a Gaza". E si rivolge direttamente a Israele, affinché "autorizzi in maniera urgente la consegna dell'aiuto umanitario alla popolazione civile a Gaza". Lo riporta un comunicato trasmesso dal suo portavoce e diffuso dal Centro d'informazioni Onu. L'associazione umanitaria Unrwa rappresenta d'altra parte l'unica fonte di sostentamento e sopravvivenza per la metà della popolazione di Gaza (circa 1 milioni e mezzo di persone). Secondo John Ging, direttore dell'Unrwa della Striscia, ben 20 mila persone necessitano di razioni su base giornaliera.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • spalella

    24 Novembre 2008 - 19:07

    Poveracci, e solo per aver lanciato qualche missile....Certo magari se fossero più civili potrebbero far valere le loro ragioni con metodi meno cruenti, rendendo la regione sicura, ed invitando quindi media e simili denunciando i soprusi e le ruberie teritoriali della quali si sentono vittime. Avrebbero un aiuto sicuramente forte e più vantaggioso....ma non ci arrivano, e chissà se il pappone dei polli li renderà più svegli.

    Report

    Rispondi

  • GBalsamo

    24 Novembre 2008 - 19:07

    vanno bene così sti poveracci, se hanno fame non piazzano bombe giusto?..................................................ne leggerò parecchi mi sa qui, per quanto mi riguarda penso che tenere affamati ed umiliati per esempio 10 bambini oggi potrà farci avere magari 2 o 3 terroristi domani (dio me ne scampi!).Ma si guarda sempre nel limitato, sul breve!

    Report

    Rispondi

blog