Cerca

L'Onu condanna Israele per il blitz alla nave turca

Il Consiglio dei diritti dell'uomo approva il rapporto della Commissione d'inchiesta. Solo gli Usa votano contro

L'Onu condanna Israele per il blitz alla nave turca
Il Consiglio dei diritti dell’uomo delle Nazioni Unite ha adottato una risoluzione che approva il rapporto della Commissione d'inchiesta sull'arrembaggio alla nave turca Mavi Marmara del 31 maggio scorso. Il provvedimento, invocato dal Pakistan a nome dell’Oci - che riunisce 57 nazioni - ha ottenuto trenta voti favorevoli, uno contrario (quello degli Stati Uniti) e quindici astensioni.

Nella sua risoluzione, l’Oic si è detto "profondamente rammaricato della mancata cooperazione di Israele all’inchiesta", pur chiedendo al Consiglio dei diritti umani "di approvare le conclusioni del rapporto" e di "raccomandare all’Assemblea generale dell’Onu di tener conto del rapporto".

Il rapporto pubblicato lo scorso 23 settembre è un duro atto d'accusa contro Israele: la Marina militare agì con una "brutalità inaccettabile" durante il blitz  contro la flottiglia di aiuti umanitari diretta alla Striscia di Gaza, macchiandosi di "gravi violazioni dei diritti umani". Secondo il documento, esistono "prove" per "sostenere un procedimento legale" contro Israele per "omicidio intenzionale, tortura o trattamenti disumani, il fatto di causare intenzionalmente grandi sofferenze o ferite gravi".

Il blitz
- Il 31 maggio 2010, i reparti israeliani assaltarono la flottiglia filopalestinese di sei navi diretta verso Gaza con l'intenzione di spezzare il blocco marittimo imposto. Nove turchi furono uccisi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • peroperi

    03 Ottobre 2010 - 15:03

    A cosa è stata condannata Israele? Deve pagare qualche cosa? A mio avviso ho gia' detto molte volte l'ONU dovrebbe essere l'unione delle democrazie mondiali e dovrebbero potervi accedere solo le democrazie acclarate. Coloro che, tra le dittature od i paesi con uno scarso livello di democrazia, volessero partecipare alle riunioni nella speranza di ottenere qualcosa per migliorare la loro situazione dovrebbero dimostrare di percorrere la strada verso la democrazia legiferando in merito. Inoltre le nazioni democratiche partecipanti al club Onu dovrebbero costituire una banca ONU dove versare annualmente i denari per aiutare i paesi in via di democratizzazione e non dare assolutamente niente a quei tiranni che intascano i denari o le sovvenzioni in cibo e materiali continuando a far morire di fame le proprie popolazioni che servono proprio a quello. Inoltre l'Onu dovrebbe dichiarere guerra militare ai paradisi fiscali (anche la Svizzera ) e pignorare i beni dei tiranni. GFP

    Report

    Rispondi

  • Al-dente

    29 Settembre 2010 - 23:11

    L'ho già scritto, l'ONU va buttato nel *e tirata la catena!

    Report

    Rispondi

blog