Cerca

Anche l'Italia nel mirino di Al Qaeda

A rivelarlo sono fonti anonime dell'amministrazione Obama. Il piano terroristico prevedeva sparatorie a caso e attacchi a edifici importanti

Anche l'Italia nel mirino di Al Qaeda
Dopo la scoperta di ieri, che terroristi con base in Pakistan e legati ad Al Qaeda e talebani stavano progettando di colpire Londra e altre grandi città in Francia e Germania, oggi arriva un'altra notizia che mette tutti in allarme: sembra infatti che nel mirino ci fosse anche l'Italia e la Spagna. A dare la notizia sono state fonti anonime dell’amministrazione Obama citate oggi dal quotidiano britannico Daily Telegraph. Il quotidiano britannico riferisce che la persona ha definito la minaccia «credibile ma non circostanziata» in termini di luoghi e date.

Tuttavia, scrive il quotidiano, le cellule terroristiche «non sono ancora partite per l'Europa e gli obiettivi non sono ancora chiari». Parte delle informazioni sul complotto terroristico provengono dalla cattura a Kabul di un cittadino tedesco, il 36enne Ahmed Siddiqi, che ha raccontato di un addestramento con armi ed esplosivi e di piani per lanciare attacchi in Germania e in altre città europee. Le agenzie d'intelligence americane e britanniche, sono nella prima fase dell'indagine sul complotto e a quanto pare vi è irritazione per la fuga di notizie prima che il quadro sia completo.

Sono citate anche fonti del'MI5 britannico almeno 20 cittadini britannici starebbero addestrandosi in Pakistan per lanciare un attacco. I giovani musulmani con passaporto del Regno Unito si sarebbero recati nelle zone tribali del Pakistan per raggiungere i campi di addestramento di al Qaeda e altri gruppi militanti associati. Lì si stanno addestrando all'uso di armi da fuoco e di esplosivi.

Il piano, riferito dell'intelligence britannica, prevedeva sparatorie a caso probabilmente in città capitali prima di prendere di mira edifici importanti cittadini. Gli attacchi dovevano essere coordinati per avere il massimo impatto. Tra i bersagli possibili, le istituzioni finanziarie. Secondo il quotidiano, comunque, l'MI5 non è affatto contento che l'operazione sia diventata ieri di dominio pubblico: «È una operazione in corso e le dinamiche cambiano costantemente».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nose93

    23 Novembre 2010 - 06:06

    Se e' vero che in Occidente ci sono milioni di dormienti, bisognerebbe riscoprire l'esercito di milizia, dove il cittadino e' soldato ed il soldato cittadino, in modo che in caso di risveglio degli stessi ci sia una popolatione armata in grado di difendersi e di rispondere adeguatamente.

    Report

    Rispondi

  • jerico

    05 Ottobre 2010 - 09:09

    Siamo sicuri che Bin Laden e la sua cricca siano nel Waziristan ,e non piuttosto in qualche comodo appartamento ,superprotetto magari dai servizi segreti pakistani o dall'intelligence iraniana ? Quell'inconcludente di Obama continua a porgere la mano e gli ayatollah a mordergliela , che idiota ! Gli arabi ed i musulmani sono dei predoni,questi individui capiscono soltanto il bastone . Suggerisco agli USA ed Israele prima di un'azione militare nei confronti dell'Iran, di farcelo sapere,perchè prima è il caso di fare una maxi retata di musulmani in Europa (sono già 50 milioni e tutti potenziali kamikaze). Ho letto da qualche parte che c'è un progetto degli ayatollah, che in caso di attacco all'Iran, i milioni di musulmani presenti in Europa (al momento tutti ''dormienti'') scatenino il caos contemporaneamente attaccando scuole ,ospedali,supermercati ed edifici pubblici ed altre strutture. Malaguratamente per noi, i musulmani non hanno paura di morire. Politici, svegliatevi !

    Report

    Rispondi

  • franziscus

    30 Settembre 2010 - 19:07

    pianga se stesso

    Report

    Rispondi

  • ariete11

    30 Settembre 2010 - 18:06

    Si dice che oggi cacciare tutti i mussulmani che sono in occidente è una cosa impossibile, perchè l'economia occidentale è ormai intrisa di petrol dollari. Di recente Obama ha annunciato che emetterà sul mercato americano un tot di miliardi per far fronte a dei problemi economici dell'America. Supponiamo ora che nel rimandare a casa propria questa massa umana mussulmana, portandosi dietro il proprio gruzzolo al netto di tutte le spese,che le banche dovrebbero sostenere per tale operazioni, le stesse si troverebbero mancanti di tot dollari. Sempre supponendo che alla fine Obama decida che questa emissione di tot dollari vada invece, a supplire il denaro mancante alle banche. Questo discorso varrebbe per tutti i Governi occidentali, ovviamente. Cosa succederebbe? E' possibile una cosa del genere o è solo utopia? Questo per dire che se l'Occidente non si libera totalmente di questo popolo, purtroppo, gli attentati saranno sempre un incubo per la nostra civiltà

    Report

    Rispondi

blog