Cerca

La trivella ha raggiunto i minatori

I 33 cileni potrebbero rivedere la luce tra i 3 e i 5 giorni. Sono intrappolati dallo scorso 5 agosto

La trivella ha raggiunto i minatori
A distanza di tre mesi da quello sventurato 5 agosto, finalmente arrivano ottime notizie per i 33 minatori cileni "in ostaggio" nell'impianto di San José.
La trivella ha infatti
perforato l'ultimo diaframma, raggiungendo così i lavoratori intrappolati.

I minatori, tuttavia, vedranno la luce solo tra cinque giorni. I prossimi passi dello speciale piano di salvataggio prevedono infatti la messa in sicurezza del pozzo e il collaudo della gabbia che riporterà in superficie la squadra. Il cunicolo potrebbe anche essere rivestito con uno strato di metallo. Proprio per questo motivo le stime governative parlano di un lasso di tempo di 3-5 giorni.

Ospedali e mass media - Nel frattempo, però, il governo di Santiago ha allertato tutti gli ospedali della zona di San Josè: all'uscita dalla miniera, infatti, ai lavoratori verrà prontamente offerta un'assistenza medica. In allerta, però, ci sono anche decine di giornalisti da tutto il mondo: dai cinque continenti stanno giungendo, a San Josè, le telecamere che faranno diventare questa difficile operazione quasi un reality show.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • NMRIC

    09 Ottobre 2010 - 13:01

    Ben fatto, coraggio a loro e alle famiglie.

    Report

    Rispondi

  • nonae

    09 Ottobre 2010 - 08:08

    2°. Se penso all'incapacità di estrarre Alfredino dal pozzo, in Italia, mi vengono i brividi ancora, perchè suppongo che qui ben poco sia mutato e spero di essere smentita. IL CILE STA DANDO UNA LEZIONE DI VITA A TUTTO IL MONDO.

    Report

    Rispondi

  • nonae

    09 Ottobre 2010 - 08:08

    Sono felice che le vite umane dei minatori possano essere tutte salvate. L'impiego della tecnologia, lo sforzo congiunto di tanti operatori, il sostegno concreto e morale pubblico, il grande amore dei familiari, delle mogli e madri in particolare , di questi lavoratori assurti alla ribalta, per il rischio mortale vissuto, mostrano quanto si possa fare positivamente e quanto capacità e disponibilità possa emergere imprevedibilmente. Il Cile esprime il volto migliore, quello delle solidarietà collettiva. Un esempio per tutti.

    Report

    Rispondi

  • Gaiaiulia

    08 Ottobre 2010 - 21:09

    Non vedo l'ora che escano fuori....coraggio ragazzi!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog