Cerca

Ahmadinejad aggredisce Israele: "Destinato a scomparire"

Tante provocazioni nel viaggio in Libano: "I sionisti sono mortali, la Palestina sarà liberata". Netanyahu: "Imprecazioni e abominio"

Ahmadinejad aggredisce Israele: "Destinato a scomparire"
La sfida a Israele tocca il suo punto più alto. Mahmoud Ahmadinejad non sceglie, come al solito, la piazza di Teheran come luogo per i suoi attacchi a Gerusalemme: questa volta è proprio al confine tra Libano e Israele, in una roccaforte di Hezbollah. "Israele scomparirà", è stato l'incipit del discorso del Presidente iraniano a Bin Jbeil, luogo da sempre in mano al partito sciita. Davanti a 15 mila persone, il leader iraniano ha poi proseguito: "Il mondo dovrebbe sapere che i sionisti sono mortali. Non hanno alcuna possibilità, devono solo arrendersi e tornare nei loro Paesi di origine. Oggi la nazione libanese è viva ed è un modello per gli altri Paesi della regione. Abbiate fiducia - ha proseguito il Presidente - che la Palestina occupata sarà resa libera grazie alla forza e alla fede nella resistenza. Gli uomini di Dio stanno arrivando e l'ingiustizia finirà". "Noi saremo con voi fino alla fine", ha promesso Ahmadinejad ai membri e agli amici degli Hezbollah.

Al termine della visita a Bin Jbeil Ahmadinejad si è trasferito a Qana, località diventata famosa nel 1996 per un bombardamento israeliano che causò la morte di 105 persone. In quella occasione il governo di Gerusalemme intendeva colpire gli Hezbollah, ma uccise solo civili. La visita di Ahmadinejad a Qana suona, ai governatori israeliani, quantomeno provocatoria: "E' chiaro che le sue intenzioni sono palesemente ostili ed è venuto a giocare con il fuoco", ha commentato Yigal Palmoral, portavoce del Ministero degli Esteri di Gerusalemme.

Nel tardo pomeriggio di giovedì è giunta, puntuale, la replica del premier israeliano Benjamin Netanyahu: "Oggi dal confine con il Libano abbiamo sentito imprecazioni e un abominio - ha detto il Presidente, le cui parole vengono riportate dal sito web del quotidiano israeliano "Yedioth Ahronoth" - La risposta migliore a queste bestemmie è stata data 62 anni fa, con lo Stato e con tutto quello che abbiamo costruito e creato da allora. Guardate che Nazione, che Paese, che Esercito ha la popolazione di Israele. Continueremo a costruire e a creare il nostro Paese e a essere pronti a difenderlo", ha concluso Netanyahu.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • autores

    06 Gennaio 2011 - 19:07

    Le parole del Presidente di Iran sono false. L'Iran contro Israele non farebbe proprio niente,l'Iran si provlama il nemico di Israele ma non e' conforme alla pubblica sicurezza di Iran,eppoi da non dimenticare che piu' Israeliani vanno in Iran piu' Islam da proclamare vive,o no,caro Leader della Religione?sono piu' bravi i Kurdi dei Israeliani?

    Report

    Rispondi

  • luigirusso

    18 Ottobre 2010 - 22:10

    farlo fuori adesso ,lo trasformerebbe in martire , bisogna cercare di liquidarlo mentre stà cagando al cesso ,e fargli una bella foto , così tutti quelli che lo ricorderanno ,prima di piangere si fanno una bella risata

    Report

    Rispondi

  • 11stone

    15 Ottobre 2010 - 14:02

    Ma insomma questo HAmmadinejjad che vuole un bis di quello che ha fatto Hitler ? Che aspettiamo tutti a farlgli una bella faccia di schaiffi ? Poi il resto lasciamolo a Dio che tutto vede e Provvede !

    Report

    Rispondi

  • jerico

    15 Ottobre 2010 - 14:02

    L'Iran si comporta come se cercasse lo scontro fisico a tutti i costi, e ad ogni occasione continua a provocare,Ahmadinejad afferma che questo provocherà un conflitto mondiale con lo scopo dell'avvento del Madhi( il Messia- il Messia dei musulmani però). Amici lettori, vi siete chiesti come mai alla Casa Bianca c'è un Presidente musulmano ? Semplice ! Gli ''Illuminati'' ,quelli del gruppo Bildeberg,della Trilaterale, quelli , insomma che vogliono il NWO (Governo Mondiale) hanno portato Obama alla Casa Bianca, con l'unico scopo di legare le mani ai militari del Pentagono per impedire loro di attaccare l' Iran . Questo compito lo lasceranno fare ad Israele, il quale non si lascerà intimidire più di tanto , e scatenerà tutto il suo potenziale militare, con le conseguenze che sappiamo. A guerra finità ,chi ci avrà guadagnato ? Quelli che hanno debiti, e gli USA ne hanno , ed al termine del conflitto avranno azzerato il loro deficit. Fantapolitica ? non direi, pensateci bene .............

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog