Cerca

Aumenterà il contingente italiano in Afghanistan

La Russa incontra Petraeus. Impegno italiano a inviare altri 800 soldati per istruire le forze autoctone

Aumenterà il contingente italiano in Afghanistan
Certo la decisione non è popolare, ma tanto è emerso quest'oggi dall'incontro con il generale David Petraeus, comandante delle truppe ISAF in Afghanistan: il contingente italiano nel Paese, infatti, aumenterà entro la fine dell'anno di altre 1000 unità, in vista di una exit strategy che dovrebbe iniziare a "obiettivi raggiunti".

Incontro - Nella conferenza stampa a Milano tra il generale statunitense e il ministro della Difesa, La Russa ha confermato la disponibilità a inviare nuove truppe di soldati e addestratori delle forze afghane. "Abbiamo confermato che entro la fine di quest’anno - ha detto il ministro italiano - i nostri uomini saliranno a 4mila, e che vi è disponibiità per i primi mesi del 2011 di un ulteriore incremento per quanto riguarda un ulteriore numero numero di addestratori che sarà deciso dal presidente Berlusconi". Fra i 4mila uomini saranno presenti 500 militari con funzioni addestrative che potrebbero, secondo quanto ha riferito il ministro, anche salire a 600 o 650, portando così la presenza militare in Afghanistan a 4.150 uomini.
Su questa decisione, La Russa ha aggiunto che comunque la scelta dovrà essere ufficializzata da una decisione del governo e di Berlusconi".

Bombe sugli aerei - Il ministro della Difesa, inoltre, ha ribadito che la questione dell’eventuale armamento dei nostri aerei impegnati in Afghanistan con bombe è una questione nazionale, che non riguarda quindi il generale Petraeus.
"Non ne abbiamo discusso tanto perchè conosciamo reciprocamente la situazione. La Nato e il comando Isaf prevedono, anzi, auspicano che ogni mezzo abbia un armamento completo, quindi si tratta più di una nostra valutazione che faremo da qui al vertice di Lisbona, in programma a novembre".

Exit strategy - A tenere banco, però, non è l'invio di nuove truppe, bensì le strategie per terminare la missione iniziata nel 2001.
"Più che le date - chiosa La Russia -, abbiamo in mente gli obiettivi e oggi l’obiettivo tassativo è quello di restare in Afghanistan, addestrare le forze locali in modo da consegnare sempre più territori sotto la loro responsabilità. Guai a fissare un mese, un giorno o un anno preciso per il ritiro".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • santeilbandito

    18 Ottobre 2010 - 10:10

    Questa è davvero una gran bella notizia. Oggi un soldato in missione guadagna quasi 4.000 euro, un maresciallo 4.600 e un tenente 5.000. Se fossero rimasti in Italia avrebbero percepito rispettivamente: 1.074, 1.879 e 1.579 (in Italia un tenente guadagna in media meno di un maresciallo). Grazie signor ministro.

    Report

    Rispondi

  • marsil

    18 Ottobre 2010 - 08:08

    MA AL MINISTRO LA RUSSA NON SONO BASTATI 34 MORTI? PER CASO, HA PRESO GUSTO A PARTECIPARE AI FUNERALI DI STATO? FORSE CREDE DI ESSERE TELEGENICO!!!!

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    18 Ottobre 2010 - 00:12

    E io paago ( Peppino de Filippo, S.E.O) Tocca ai politici riparare gli errori dei generali: Larussa non vorremmo pagare anche i tuoi

    Report

    Rispondi

  • neroazzurroo

    17 Ottobre 2010 - 19:07

    ottima decisione! COMPLIMENTI!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog