Cerca

Francia, marcia indietro dell'Ue sui rom

La responsabile della Giustizia Viviane Reding proporrà alla Commissione di rinunciare alla procedura d'infrazione

Francia, marcia indietro dell'Ue sui rom

Torna il sereno tra la Francia e la Commissione europea. Dopo accesi botta e risposta, accuse di razzismo e rimpalli di responsabilità, la battaglia sui rom che aveva visto schierarsi i paesi di mezzo mondo sembra ormai conclusa. A deporre le armi è la responsabile della Giustizia europea, Viviane Reding, che proporrà alla Commissione di rinunciare alla procedura d’infrazione contro il Paese. La Francia avrebbe già fornito garanzie "sufficienti" sulla modifica della legislazione sulla libera circolazione dei cittadini europei. La decisione finale sarà presa dai 27 commissari, che si riuniranno martedì.

A fine settembre, la Commissione aveva deciso di aprire una procedura per il mancato rispetto della legge europea dopo i rimpatri dei rom. "La Francia - aveva detto Reding - non ha trasposto nel diritto francese le garanzie procedurali" previste per i cittadini nel quadro di una direttiva del 2004 sulla libera circolazione nell’Ue. E poi: "Sono personalmente convinta che la commissione non avrà altra scelta se non quella di avviare una procedura di infrazione contro la Francia per l'applicazione discriminatoria della direttiva sulla libera circolazione". La Reding non aveva celato la sua ira: "La mia pazienza sta finendo, quando troppo è troppo, nessun Paese piccolo o grande che sia può avere un trattamento speciale quando sono in gioco i diritti fondamentali".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dubhe2003

    21 Ottobre 2010 - 21:09

    ... non è l'Italia; La sig.ra Reding ha preso una grossa topica...che figuraccia!

    Report

    Rispondi

  • ariete11

    19 Ottobre 2010 - 15:03

    Finalmente ha preso cosciensa che il da farsi della Francia nei riguardi dei rom rimandndoli al loro Paese è più che giusto. Meglio tardi che mai.

    Report

    Rispondi

  • MAD

    19 Ottobre 2010 - 12:12

    ...la marcia indietro l'ha fatto solo perchè la Francia, per non beccarsi la sanzione, ha modificato le disposizioni allineandole con l'UE...

    Report

    Rispondi

  • pietrafocaia

    19 Ottobre 2010 - 12:12

    SENTITE L'ASSURDO: SI SALUTA CON CENNI DI GLORIA LA "MARCIA INDIETRO" ( OVVERO IL CAMBIAMENTO DI IDEE) DELLA SIG.RA VIVIANE REDING, PERCHE' CIO' SI LEGGE COME LA GIUSTEZZA DELL'OPERATO DELLA FRANCIA ( PROSSIMA AD ESSERE IMITATA DALL'ITALIA: LA RIVENDICAZIONE DI FINI DI CAMBIARE INDEA SI ACCOGLIE CON IRONIA MALCELATA, SOLO PERCHE' HA DETTO CHIARO E TONDO CHE NON VOTERA' MAI IL PROCESSO BRAVE AD PERSONAM. MEDITATE!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog