Cerca

Usa-Arabia: il patto delle armi

Presto un accordo per la vendita di forniture militari. Gli Stati Uniti incasserebbero 60 miliardi di dollari

Usa-Arabia: il patto delle armi
Il ministero della difesa degli Stati Uniti, ieri, ha reso noto al Congresso che gli Stati Uniti venderanno armi all'Arabia Saudita. L'operazione, sarebbe da circa sessanta miliardi di dollari, la più ingente della storia Usa. L'accordo include le vendita di elicotteri(70 elicotteri Apache e 72 Blackhawk), aerei militari (84 caccia e circa 30 Little Birds), radar, e bombe teleguidate. Il Congresso valuterà in trenta giorni i termini dello scambio, prima di lasciare che il Pentagono e i costruttori di armi definiscano i dettagli. La decisione certa, ci sarà dopo le elezioni di metà mandato, ma l'accordo è già praticamente fatto. Il Washington Post, come scrive oggi, considera questa come una mossa con una duplice funzione, ovvero quella di rafforzare militarmente l'Arabia in funzione anti-iraniana e quella di inviare un segnale di collaborazione a tutto il mondo arabo.Il sottosegretario di Stato americano con delega agli affari politico-militari, Andre Shapiro, ha poi dichiarato che il governo ha attentamente valutato le conseguenze che questo accordo produrrà nell’area mediorientale e che al manovra non creerà nessun problema con Israele, tradizionalmente contrario alla vendita di armi ai paesi arabi vicini.La scorsa estate infatti, Israele aveva manifestato il suo dissenso e preoccupazione, in seguito all'inaugurazione dell’impianto nucleare iraniano di Bushehr. Tuttavia, un rafforzamento militare dell'Arabia in otticca anti-iraniana potrebbe essere visto di buon grado. Di quest'avviso è anche l'analista militare Richard Aboulafia, come dichiara sempre al Washington Post: "Quando vendi armi vendi anche una relazione strategica - spiega - se si usa lo stesso tipo di equipaggiamento spesso vuol dire che si sta avviando una programma militare congiunto".  


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Al-dente

    24 Ottobre 2010 - 01:01

    Per colpa dell'Iran e di quell'islamico di Obama il Medio si appresta a diventare una polveriera. Gli islamici quando hanno armi in mano non sono capaci di ritenersi, le useranno perchè si sentono forti e così scoppierà il casino che quasi sicuramente pagheremo tutti quanti con conseguenze di guerra e di crolli economici.

    Report

    Rispondi

  • ercole.bravi

    22 Ottobre 2010 - 16:04

    come un ape in calore, si sposta da un fiore all'altro in cerca di polline e di speranze di rinascita per coloro che lo hanno portato sullo scranno dell'ex uomo pi potente del mondo!!! Dopo avere iniziato a capire come uscire dall'afghanistan, ed essendo quindi riuscito in pieno a rispettare i termini del suo predecessore, il rappresentante del black power in carica, ha pensato bene che in occasione delle elezioni di mandato a novembre, avesse obbligatoriamente necessità di suturare le borse dei suoi finanziatori (checchè se ne pensi, anche questi produttori di armi, banchieri....il male asoluto con bush, ma trasformatisi in madonne e santi con il re nero) con un bel contrattino con uno stato mediorientale. Che si prospetti una nuova guerra in quell'area? a pensare male si fa peccato, ma leggendo delle "mirabilanti" capacità di barac (uso la c per meglio intendere le sue vacillanti capacità politiche) ne avrei la certezza. Certo negli stati uniti dopo averlo "apprezzato" è meno nero!!!

    Report

    Rispondi

blog