Cerca

Torna Osama Bin Laden: "Divieto francese al velo giustifica violenza"

Il leader di Al Qaeda minaccia in un audio su Al Jazeera. Afghanistan, la Francia si ritirerà a partire dal 2011

Torna Osama Bin Laden: "Divieto francese al velo giustifica violenza"
Ritorna Osama Bin Laden. Come spesso avviene, il leader del terrore sceglie Al Jazeera per diffondere, a livello mondiale, il suo nuovo audio. Questa volta destinato alla Francia: il capo di Al Qaeda, infatti, dice che la sicurezza dello Stato transalpino è a rischio in caso di mancato ritiro delle truppe dall'Afghanistan da parte del governo parigino. "Il solo modo per preservare la vostra sicurezza è quello di ritirarvi dalla guerra di Bush - dice - Così come uccidete, sarete uccisi. Così come catturate dei prigionieri, sarete presi in ostaggio. Così come minacciate la nostra sicurezza, minacceremo la vostra". In quest'ottica, ha proseguito Bin Laden, deve essere letto il rapimento dei 5 francesi in Niger, avvenuto nello scorso settembre e rivendicato dal gruppo di Al Qaeda Maghreb.
Osama ha infine puntato il dito contro il divieto, in vigore in Francia, di indossare il velo integrale:
"La vostra ingiustizia è che pensate di avere il diritto di impedire alle nostre donne di mettere il velo", dice Bin Laden, secondo cui il divieto "giustifica la violenza".

Strage in Afghanistan - Intanto a Baghlan, nel nord dell'Afghanistan, un tetto è crollato mentre era in corso un banchetto nuziale. Secondo Hamid Niazi ci sarebbero tra le 40 e le 60 vittime, e la maggior parte delle quali erano donne e bambini (nel Paese uomini e donne festeggiano le nozze in locali separati). Il governatore della Regione, invece, ha affermato che il banchetto era organizzato in un edificio del villaggio a tre piani. Ancora ignote le cause del crollo.
Il ministro della Difesa francese, Herve Morin, all'indomani della minaccia di Bin Laden, ha annunciato un possibile ritiro delle truppe dall'Afghanistan già dall'inizio del 2011. Ha poi precisato che la decisione "
non ha assolutamente" nessun legame con le parole del leader di Al quaeda.


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Cipollina4040

    29 Ottobre 2010 - 20:08

    A BIN LADEN !!!!! NOI NON VENIAMO A CASA TUA A DIRTI, TU!!!!!!TI DEVI METTERE IL COSTUME SARDO! O QUELLO BAVARESE!!!!! DAI??? OSAMA BIN LADEN??? FACCI SAPERE, MA SEI MORTO? O SEI VIVO?

    Report

    Rispondi

  • Cipollina4040

    29 Ottobre 2010 - 19:07

    Bin Laden!!!! prima di toccare qualsiasi paese occidentale? lavati la bocca con l'acido muriatico(E le mani) perche' le hai lorde di sanque!!!!!! innocente. Mettiti una croce sulla fronte!!! e' chiedi perdono a Dio!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • opinione-critica

    29 Ottobre 2010 - 17:05

    Sono proprio le affermazioni di Bin Laden che giustificano un incremento dell'uso della forza in Afganistan. Finora l'occidente non è stato sufficientemente duro. L'occidente è in grado di fare ciò che lui desidera ma non riesce a realizzare: radere al suolo una nazione. Islamico Bin Laden gioca pure a nascondino, prima o poi sarai beccato, nonostante tutte le tue complicità mascherate sotto il nome del pacifismo, dell'antimilitarismo e menate varie.

    Report

    Rispondi

  • Al-dente

    29 Ottobre 2010 - 12:12

    Questo è solo l'antipasto delle regole che gli islamici pretendono che si adottino in ogni luogo dove vanno ad occupare territorio altrui. Prima iniziano con la scusa che bisogna rispettare la loro religione e i loro usi e lo chiedono cercando di far vergognare gli altri del mancato rispetto, delle mancate applicazioni liberali e democratiche. Dopo iniziano a fare pressione politica per ottenere sempre di più, quindi si passa alle minacce e infine alla violenza vera e propria su piccola scala e casuale e infine finiscono per generalizzarla quando si sentono più forti. Bin Laden è già passato all'imposizione con minacce e terrore in terra d'altri, niente di strano per gli islamici, ci risulta strano solo a noi e a quei polli occidentali che piano piano sono stati educati a rispettare le loro regole e adesso si trovano di fronte ad un salto di qualità inaspettato o a cui dovranno accordarsi o subire minacce e attentati. Ecco che succede e accadrà a far entrare questa gente da noi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog