Cerca

Usa, comico antiproibizionista fuma "canna" in diretta tv

Invitato a un dibattito sulle droghe leggere, Zach Galifianakis ha recitato una gag a sostegno della liberalizzazione

Usa, comico antiproibizionista fuma "canna" in diretta tv
Per combattere il proibizionismo e manifestare il proprio dissenso per il divieto di droghe leggere negli States, un noto comico americano ha acceso e fumuto una canna in diretta tv. Il gesto di Zach Galifianakis ha lasciato tutti a bocca aperta. Ma è stato anche gradito dai fautori della liberalizzazione, oggetto di un referendum della California che si terrà domani, assieme alle elezioni di medio termine.

Galifianakis, conosciuto anche in Italia per aver interpretato commedie come Notte brava a Las Vegas, G-Force, Superspie in missione e Una notte da leoni, era ospite del programma della Hbo, Real Time with Bill Maher, per discutere sugli effetti del consumo di cannabis. Durante il dibattito ha osservato che troppi cittadini americani considerano le droghe leggere come "un tabù culturale e politico". Poi, restando serio, prima ancora di finire la frase, si è acceso una sigaretta di marijuana. Il pubblico ha iniziato a ridere, ma lui, imperturbabile, ha aspirato e poi ha offerto lo spinello alla sua interlocutrice contraria alla liberalizzazione.

Dopo il rifiuto della ragazza e qualche istante di silenzio, Zach s'è messo a urlare fingendo di essere in preda alle allucinazioni: "Oh mio Dio, vedo dei dragoni volare nello studio". Infine, tornando serio, ha concluso: "Ecco esattamente cosa volevo dimostrare. Credo che troppa gente pensi che una cosa del genere possa accadere sul serio".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • libero42

    02 Novembre 2010 - 10:10

    Come usa fare mr B. E poi una canna è sempre meglio della coca che circola abbondante con lo stuolo di prostitute nelle Ville del Premier, come la trafficante pentita Perla, già portaborse del deputato PDL sta raccontando alla procura di Palermo. Attendiamo una dichiarazione di Giovanardi e di Mons. Fisichella sulla contestualizzazione.

    Report

    Rispondi

  • S.Winston

    02 Novembre 2010 - 09:09

    Coraggiosa azione che qui da noi avrebbe portato alla sua espiazione pubblica da parte di politici ipocriti che pubblicamente fanno i moralisti e nel privato sniffano cocaina con tre escort in camera a servizio....il proibizionismo ha sempre e solo fatto fare affari alle mafie, non è con le proibizioni che si tengono le persone lontano da certi vizi ma con l'EDUCAZIONE, cosa che manca molto..............avete sentito un recente studio medico britannico sulla pericolosità delle droghe?sapete quale droga è più pericolosa dell'EROINA?l'ALCOOL!!!!saluti!!

    Report

    Rispondi

  • eraldo cacchione

    02 Novembre 2010 - 08:08

    L'alcol è più dannoso per la salute di cocaina, cannabis o ecstasy ed è lo "stupefacente" più nocivo in relazione al suo impatto sulla società. Lo afferma uno studio pubblicato sulla rivista inglese Lancet, che riporta i risultati di una ricerca condotta da David Nutt, l'ex consigliere del governo laburista per la lotta alla droga, suggerisce che il danno complessivo prodotto dagli alcolici batte quello di crack e eroina e richiede dunque strategie coraggiose sul fronte della sanità pubblica.

    Report

    Rispondi

  • eraldo cacchione

    02 Novembre 2010 - 08:08

    La droga consumata in televisione! Bisognerebbe denunciarlo per istigazione al suicidio!

    Report

    Rispondi

blog