Cerca

Tanzania, primo albino in Parlamento

Svolta epocale. In Africa sono decine le persone massacrate ogni anno per colpa di questa anomalia ereditaria

Tanzania, primo albino in Parlamento
Si chiama Salum Khalfani Bar'wani ed è il primo albino eletto al Parlamento della Tanzania in tutta la storia elettorale del Paese. "Questa è una vittoria non solo mia, ma di tutti gli albini di questo paese" ha detto alla Bbc. Bar'wani, 51 anni, del partito di opposizione Fronte civico unito (Cuf), è stato votato a Lindi, nel sud dello Stato africano e ha sconfitto il candidato della maggioranza che occupava il posto da ben 15 anni.
In aula, da due anni, è presente un altro albino, Al-Shymaa Kway-Geer, scelto dal presidente del Paese che il diritto di nominare 10 deputati. La decisione faceva parte di una campagna lanciata dal governo contro le violenze verso i 'diversi'.

Un'autentica rivoluzione in un Paese, come la Tanzania, che da secoli perseguita e massacra gli albini. Per la loro anomalia di pigmentazione, in Africa sono considerati portatori di sventure o vittime sacrificali, a seconda delle tradizioni locali. In Tanzania, da quando, circa tre anni, si è diffusa la convinzione che i loro organi abbiano poteri taumaturgici in grado di portare fortuna in amore e in affari, si è aperta la caccia all'uomo. Sono una sessantina le persone uccise in questi riti legati alla stregoneria.
Stessa triste sorte nel resto dell'Africa. Ad agosto, in Kenya, un uomo è stato condannato a 17 anni di carcere per cercato di vendere un albino. Il 23 ottobre, in Burundi, un bimbo albino di nove anni è stato rapito, ucciso e fatto a pezzi. I resti del suo corpicino sono stati ritrovati in un fiume al confine con la Tanzania.

L'albinismo è una anomalia ereditaria caratterizzata dalla mancanza di melanina nella pelle, nell'iride e nei capelli. Esiste anche tragli altri mammiferi, i pesci, i rettili, in piante e fiori.







Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog